Nuovi servizi sanitari: in tre anni impiegati 175 tra infermieri e operatori sanitari

La pandemia concede una tregua: "Se il trend è confermato il personale aggiuntivo potrà dedicarsi alle attività tradizionali"

Dal 31 dicembre 2019 nell’ambito territoriale di Lucca si sono occupati di servizi aggiuntivi e innovativi rispetto a tre anni fa, grazie anche alle nuove acquisizioni di personale, 97 infermieri, 95 operatori socio sanitari e 5 ostetriche. Sono i numeri che snocciola l’Asl Toscana Nord ovest, facendo il punto su organici e nuove attività.

“L’azienda Usl – si spiega in una nota – è tuttora fortemente impegnata nell’azione di reperimento del personale infermieristico e operatori sanitari da assegnare alla varie strutture aziendali e nonostante le numerose difficoltà è riuscita ad oggi ad acquisire risorse utili in parte per l’apertura di nuove attività. Fortunatamente assistiamo anche a una de-escalation sul fronte assistenziale Covid, che permetterà a breve di ridurre in queste aree la presenza di personale specificatamente dedicato, andando  a rinforzare altri settori, anche per permettere la ripresa delle attività routinarie dopo il periodo estivo”.

La direzione aziendale, insieme al Dipartimento delle professioni infermieristiche e ostetriche, è quindi impegnata  quotidianamente a verificare i carichi assistenziali, i flussi dei degenti e delle attività nei vari reparti di degenza e servizi per fornire in tempo reale le risposte assistenziali più congrue.

“Questo – spiega l’Asl – anche per rassicurare la cittadinanza sulla volontà dell’azienda di rispondere in maniera adeguata alle attuali esigenze, nonostante le ormai note difficoltà a reperire personale”. Quello che colpisce, nel confronto tra il 31 dicembre 2019 (epoca pre-Covid) e il 2022, è il personale infermieristico impiegato in attività nuove o potenziate.

 

In particolare a Pisa l’impiego di personale per nuove attività ha riguardato 21 infermieri, 19 OSS e 2 ostetriche. Hanno garantito azioni legate al Covid (come l’esecuzione di vaccinazioni e tamponi Covid) ma anche altre non legate direttamente alla pandemia (ad esempio l’adeguamento dell’attività preventiva  e domiciliare e il potenziamento dell’infermieristica di famiglia).

In Valdera, invece, il personale impiegato per nuovi servizi è rappresentato da 40 infermieri51 OSS e 1 ostetrica. Anche in questo caso hanno assicurato sia servizi Covid (come l’istituzione del check point all’ingresso dell’ospedale Lotti di Pontedera e il supporto alle Usca – Unità Speciali di Continuità Assistenziale) che no Covid (come l’adeguamento dell’attività dell’ACOT  – Agenzia di Continuità Ospedale-Territorio e il potenziamento dell’infermieristica di famiglia).

In Alta Val di Cecina, infine, il personale impiegato per nuovi servizi è rappresentato da 11 infermieri e 9 OSS. Si sono occupati di attività legate al Covid  (tra cui  l’esecuzione di vaccinazioni e tamponi Covid) e di altre non legate alla pandemia (attivazione dell’automedica a Volterra e apertura delle Cure intermedie non Covid e Hospice).

 

“Questi dati – evidenzia il direttore del dipartimento delle professioni infermieristiche e ostetriche Andrea Lenzini – confermano che in questi tre anni è cambiato in maniera sostanziale il nostro modo di fare sanità. La pandemia e tutti gli aspetti correlati a questo periodo complesso e senza precedenti nella nostra storia sanitaria hanno reso necessario aprire nuovi servizi e/o potenziare e/o adeguare alle esigenze del momento alcune attività già esistenti. E’ stato uno sforzo incredibile per tutto il nostro personale, che in certi casi è stato chiamato a modificare le sue abitudini lavorative e i suoi comportamenti quotidiani. La risposta degli operatori è stata però straordinaria e vorrei ringraziarli tutti, ad uno ad uno, per quello che hanno fatto nel periodo di picco pandemico ma anche per quello che stanno facendo oggi, nella gestione dell’attuale fase di regressione del virus e della progressiva ripresa dell’attività sanitaria. Con la Direzione aziendale stiamo monitorando la situazione per garantire in ogni territorio organici in grado di sopportare la forte pressione sui servizi. L’attivazione di molti servizi aggiuntivi e l’acquisizione di nuovo personale sono serviti a fornire delle risposte concrete in un momento di grande difficoltà. Se i dati sulla pandemia, come ci auguriamo, continueranno a diminuire, alcuni di questi operatori potranno essere impiegati in settori più tradizionali  in maniera da consolidare il personale nei reparti ospedalieri e sul territorio”.

 

“Un aspetto che mi preme sottolineare – prosegue il dottor Lenzini – è quello del potenziamento in corso del modello dell’infermiere di famiglia e di comunità, che era partito sul territorio dell’Azienda Usl Toscana nord ovest proprio dall’anno 2019, introdotto dalla Regione Toscana con la delibera 597 del giugno 2018. La nuova figura ha permesso di sviluppare nuovi modelli organizzativi territoriali, in grado di  rispondere sempre più alla gestione della cronicità, come era emerso anche da una riflessione all’interno del dipartimento infermieristico aziendale. La sua funzione primaria è quella di prendere in carico un gruppo ben definito di cittadini, per rispondere ai loro bisogni di assistenza, intercettandoli anche prima che si manifestino. L’infermiere di famiglia e di comunità rappresenta quindi  un punto di riferimento per la cittadinanza anche per quanto riguarda l’informazione sanitaria, la prevenzione, la promozione della salute e l’accesso ai servizi che l’azienda sanitaria mette a disposizione dei cittadini. L’introduzione dell’infermiere di famiglia e di comunità negli ambiti territoriali Asl sta comportando un fondamentale cambiamento di cultura, che porta sicuramente dei benefici ai cittadini. L’infermiere diventa infatti il riferimento per una popolazione geograficamente definita e conosciuta ed è, in sinergia con il medico curante, la figura sanitaria qualificata che si occupa dell’intero gruppo familiare, avvalendosi quando necessario di colleghi esperti in ambiti specifici”.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.