Bestemmie sul muro della parrocchia, chiusa l’area gioco

Già presa di mira da danneggiamenti

Avevano creato uno spazio libero, un punto di aggregazione e di incontro tra generazioni, un’area dove fermarsi e ripartire, ridere, salutarsi e divertirsi. Per qualcuno, però, “fare branco” vuol dire danneggiare, rovinare, disturbare e imprecare. E così, stanchi e senza soluzioni, i membri dell’associazione culturale I Festaioli di Roffia di San Miniato e la parrocchia hanno deciso di chiudere l’area giochi.

A tempo indeterminato, per il momento e dopo che ai danni si sono aggiunte le bestemmie scritte sul muro della chiesa. Un messaggio chiaro, insomma, che questa volta non poteva essere trascurato. Non tanto per una questione di fede, quanto per il rispetto che si deve a chi mette a disposizione tempo ed energie per la socialità. Quella “buona”, educata e civile, però.

Quella che, in questa storia e in questo tempo al contrario, è quella più danneggiata. Difficile, d’altra parte, fare altrimenti perché “sono ragazzi” non può giustificare tutto e tutti. Essere ragazzi, invece, può essere il punto di partenza dal quale crescere, confessare, comprendere lo sbaglio e ridare così l’area gioco a tutti, diventando parte di quel tutto.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.