Quantcast

Natale in corso a Marti, oltre 100 Presepi sulla via foto

Più informazioni su

Da qualche giorno a Marti sembra di camminare in un cantiere. Una specie di cantiere diffuso, con gente che si affanna davanti alle porte, alle finestre delle case, sui balconi e nei giardini. Tutti all’opera per creare e mettere in scena tanti piccoli presepi, dando libero sfogo ad una fantasia che in questo caso davvero non conosce confini. Mancano solo una manciata di giorni, del resto, all’apertura ufficiale della terza edizione di “Presepi sulla via”, la singolare iniziativa ideata tre anni fa dall’associazione Martinfiera e che ha trovato da subito la collaborazione di un intero paese.

Oltre 100 i presepi realizzati a Natale 2016 dagli abitanti della frazione, pronti anche stavolta a fare altrettanto per trasformare il borgo in una grande mostra di presepi a cielo aperto. Il taglio del nastro è fissato per questa domenica, 3 dicembre, con l’inaugurazione ufficiale dei presepi che sarà l’occasione per una giornata di festa e di intrattenimento per i più piccoli. Una festa in attesa del Natale, che regalerà a Marti anche una grande stella cometa posizionata sulla collina del Bastione: una stella luminosa, collocata nel punto più alto dell’antico castello, che da domenica sera sarà ben visibile anche dai paesi vicini. L’appuntamento, però, è fissato già dalle 10 del mattino con l’apertura delle bancarelle natalizie nella strade del paese. Alle 14,30, ritrovo in piazza Terreni (meglio nota come Porta Pisana) con il taglio del nastro e la prima visita simbolica ai presepi insieme alle autorità locali. Intorno alle 15,30, in piazza Fantozzi, i bambini della scuola elementare e materna di Marti decoreranno l’albero di Natale con gli addobbi da loro realizzati. Nell’occasione, insieme all’intrattenimento per i più piccoli, sarà anche possibile gustare bomboloni, ciaccini e cioccolata calda. “Sarà un modo per entrare nel clima del Natale – dice la presidente di Martinfiera Anna Fiaschi – ma anche un’occasione per far conoscere e far vivere il nostro paese, attraverso i presepi, attirando visitatori e curiosi durante le festività”.
L’iniziativa, del resto, fa parte della rete “Terre di presepi”, la rete nata quattro anni fa per valorizzare le tante natività che nel periodo natalizio caratterizzano i borghi toscani. Una rete che da quest’anno è diventata un vero e proprio pellegrinaggio, sul modello della Via Francigena, dove ogni località corrisponde ad una ‘magione’, ciascuna con un proprio ‘timbro’ di riconoscimento (leggi qui). In pratica, i visitatori dei presepi riceveranno una credenziale dove apporre i timbri di ogni località visitata. “Nel nostro caso i presepi sono diffusi in tutto il paese – dice Fiaschi – così abbiamo deciso di posizionare una sorta di punto di accoglienza in piazza Fantozzi, di fronte al circolo Arci, dove chi vorrà potrà farsi imprimere il nostro timbro”.

 

Giacomo Pelfer

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.