Ugolino torna a Palazzo Grifoni: convegno sul Maestro dell’Altopascio

L'appuntamento è promosso dalla Fondazione Cassa di risparmio di San Miniato

Un progetto nato nel contesto dell’anno mediceo promosso dalla Regione Toscana, ma che ora assume un sapore tutto samminiatese con il progetto intorno nato alla figura di Ugolino Grifoni, Maestro dell’Altopascio. Grifoni fu segretario particolare del Granduca. Nato a San Miniato, fu colui che fece disegnare all’architetto Giuliano Baccio d’Agnolo, il progetto di palazzo Grifoni, oggi sede della Fondazione.

Una figura interessante quella di Ugolino, un samminiatese che nel ‘500 toscano fu uomo potente e persona di fiducia dei Medici, che seppe sia curare gli interessi del Granduca e anche accrescere il proprio prestigio. Il cui potere si estendeva su tutto il granducato, travalicando la dimensione samminiatese o fiorentina. Fu amministratore dell’ospitale dell’Altopascio a quel tempo la carica era di Gran maestro e fu amministratore abile che seppe far aumentare le risorse degli ospitalieri.

Il convegno promosso dalla fondazione Cassa di risparmio di San Miniato e curato da Fabrizio Mandorlini si terrà giovedì 30 gennaio alle 17,30 a Palazzo Grifoni. Un convegno a cui, visto il legamento con Altopascio del personaggio storico oltre ai relatori, sarà presente anche il sindaco di Sara D’Ambrosio, insieme al sindaco di San Miniato Simone Giglioli. Ad aprire i lavori sarà il presidente della fondazione Antonio Guicciardini Salini, tra i relatori sarà presente anche Eugenio Giani, il presidente del consiglio regionale e la relatrice Isabella Gagliardi dell’università di Firenze.

E proprio sulla figura di Ugolino Grifoni, il presidente della fondazione Casa di risparmio Guicciardini Salini ha annunciato che sta lavorando per riportare a San Miniato, proprio nel patrimonio della Fondazione, un’opera d’arte che raffigura il Maestro dell’Altopascio. “Al momento la trattativa è assai difficile, sto ragionando con il proprietario di questa opera ma non sappiamo se riusciremo a chiudere. Certo è che ci piacerebbe avere questo cimelio a palazzo Grifoni, sarebbe un po’ come riportare Ugolino a casa sua”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.