Conto alla rovescia per La luna è azzurra, il teatro di figura nelle strade di San Miniato

Dal 5 all’8 agosto, 10 spettacoli a ingresso gratuito

Manca veramente poco, questione di qualche giorno e il centro storico di San Miniato, sarà travolto da burattini, mimi, giochi di luce e di suoni che creeranno un’atmosfera di magia. Il divertimento dei piccoli è assicurato tanto quanto lo stupore dei grandi con gli spettacoli de La luna è azzurra, il festival internazionale del teatro di figura che quest’anno arriva alla 37esima edizione. Da mercoledì 5 a sabato 8 agosto con 10 spettacoli gratuiti su prenotazione consigliata organizzati da Terzo Studio.

Arriveranno, come ogni anno, artisti per le varie discipline da tutto il mondo a incantare gli spettatori. Quest’anno, poi, è stato decisamente particolare: rispetto alle scorse edizioni, infatti, il festival si è dovuto reinventare con delle performace statiche. È soltanto rimandato all’anno prossimo il dinamismo e il carattere itinerante degli spettacoli. Un festival fortemente voluto anche dall’amministrazione comunale, che stretta fra la morsa delle misure anti-Covid, ha dovuto cancellare molte manifestazioni, ma si è impegnata per mantenere la cultura e il divertimento de La luna è azzurra.

Il programma

Mercoledì 5 agosto si aprirà con due show internazionali: in piazza del Seminario ci sarà l’argentina Veronica Gonzalez con il suo magico C’era due volte un piede, in cui buffi personaggi in carne ed ossa interpretano le più esilaranti storie e ai loggiati di san Domenico l’artista iraniano Saeed Fekri con L’incantatore, il più grande mimo di strada che opera in Italia, abile istrione e direttore d’orchestra di un complice pubblico. Giovedì 6 agosto la cornice di piazza del Seminario ospiterà Denì Magic in Per farvi magia, una famiglia magica aretina, nata dalla passione del papà per gli attrezzi magici, che spazia dalla magia classica alle grandi illusioni, mentre i Loggiati saranno invasi dalle marionette di All’InCirco con PuPAZZi d’amore, uno show poetico e surreale in cui pupazzi e oggetti inanimati si avventurano in quadri grotteschi, tra fioriture e metamorfosi.

Venerdì 7 agosto saranno tre gli spazi coinvolti dal teatro: in piazza del Duomo ci sarà la compagnia Circo Improvviso con Pindarico, uno show di trasformismo e illusionismo su trampoli, altamente scenografico, il viaggio libero e visionario che un aviatore ormai vecchio compie sul filo dei ricordi. In piazza del Seminario il più famoso burattino del mondo Pinocchio prenderà vita grazie alla narrazione e al telo illustrato del contastorie Alessandro Gigli, grande affabulatore, capace di far apparire, per magia, le più incredibili visioni, fidando tutto sulla capacità evocativa della parola, mentre ai loggiati di san Domenico ci sarà il Teatro del Cacao con Beat Socks uno spettacolo di pupazzi, attore e clowneria, un teatro dove tutto può succedere, che si costruisce sotto gli occhi increduli dello spettatore.

Anche sabato 8 agosto sarà ricco di suggestioni, in piazza Duomo Alto Livello del Circo Improvviso presenterà una galleria di personaggi umani e animali realizzati con semplici trucchi basati sulla deformazione degli arti, in piazza del Seminario ci sarà Federico Pieri in Uno per tutti, un’alchimia di sand art, ombre e magia dalla quale prenderanno vita curiose storie ed incontri. I loggiati di san Domenico ospiteranno il divertentissimo show di Nicola Pesaresi, giovane e talentuoso ventriloquo, in Zitto quando parli dal retrogusto del vecchio cabaret e dell’avanspettacolo con assurdi personaggi ed effetti originali.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.