Quantcast

A San Miniato la Divina Commedia diventa interattiva

Appuntamento venerdì (18 giugno) alle 18 a Palazzo Grifoni con l'idea della Fondazione Istituto del Dramma Popolare

Nell’anno in cui il Teatro dei Cielo celebra Dante, arriva a San Miniato anche un momento di riflessione importante e dal taglio innovativo sulla più celebre opera dell’Alighieri.

Immaginare la Divina Commedia è l’iniziativa che si terrà venerdì (18 giugno) alle 18 a Palazzo Grifoni a San Miniato per l’idea della Fondazione Istituto del Dramma Popolare che celebra quest’anno 75 anni di successi e di storia. Come si può immaginare la Commedia oggi? Se lo sono chiesti, lavorando insieme per più di due anni, Roberto Abbiati e Simone Marchesi, ciascuno dal punto di vista della propria professione di illustratore e lettore del testo di Dante. Il risultato è stato un modo nuovo di rispondere alla Commedia, un lavoro in cui commento visivo e commento verbale, illustrazione e nota, trascrivono sulla pagina quello che il testo ci dice e insieme invitano il lettore a rendersi conto di quello che la Commedia fa, quando ci coinvolge nella costruzione di un mondo realissimo e insieme immaginario, fatto di oggetti e simboli che ci sono familiari ma che ci chiedono anche una risposta personale, sempre nuova.

La presentazione consiste in uno ‘spettacolo’ interattivo in due fasi. Nella prima, gli autori presentano brevemente il loro approccio all’illustrazione verbale e visiva del testo di Dante utilizzando alcuni esempi delle note e delle tavole pubblicate. Nella seconda, adottando il modello delle quaestiones quodlibetales medievali, invitano membri del pubblico a richiedere di illustrare una terzina che è loro particolarmente cara e procedono quindi a commentarla e a creare un disegno collegato a testo e spiegazione. In pratica, mentre Simone Marchesi risponde a ciascuna sollecitazione, Roberto Abbiati realizza sul suo tablet uno schizzo, che viene proiettato in diretta su di uno schermo.

L’evento ha anche un ulteriore valore per San Miniato, perchè riporta sotto la Rocca proprio Simone Marchesi, che in città è cresciuto ed ha studiato, ed oggi è professore associato nel dipartimento di francese e italiano a Princeton. Tutto accade mentre lo stesso Dramma popolare, con una nostra (a Palazzo Grifoni fino all’11 luglio), rende omaggio al padre del professor Simone, Pietro Marchesi che a San Miniato fu chirurgo all’ospedale e fine pittore. La serata di venerdì sarà introdotta dal presidente della Fondazione Idp Marzio Gabbanini.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.