Quantcast

Si presenta a Fucecchio la biografia di Bruno Gastaldin

Il libro, scritto da Daniele Cei, chiude le “Notti di mezza estate”

Da Guasticce al Colorado, fra successi, cadute e vicissitudini, la biografia dolce e amara di Bruno Gastaldin chiude il ciclo delle “Notti di mezza estate” promosse dalla biblioteca comunale Indro Montanelli di Fucecchio. “Bruno Gastaldin. Una vita vissuta” è il titolo del volume scritto dall’accurata penna di Daniele Cei, che sarà presentato mercoledì 4 agosto alle 21,30 al Parco Corsini.

Una vita, quella di Gastaldin, ricca di aneddoti, avventure, avvenimenti, trascorsa tra alti e bassi ma con una costante su tutte: la moglie Teresa. Una biografia a cui Daniele Cei riesce a dare un senso narrativo, con la volontà di provare a ricucire anche il rapporto con i figli, rapporto che le circostanze della vita di Gastaldin hanno reso difficile e complesso.

L’evento, al quale parteciperà anche la stessa Teresa, fa calare il sipario su una rassegna ricca, in cui si sono alternati autori locali e non, basti ricordare la presentazione del libro di Alessandro Sarti, dedicato all’attore Sergio Forconi, o quella del volume di Manuela Maccanti che si è svolta presso la Limonaia o ancora la presentazione in anteprima del libro di Marco Travaglio dedicato a Indro Montanelli. Una rassegna che si è inserita all’interno di una più ampia offerta culturale resa ricchissima dalle proiezioni, i concerti e gli spettacoli teatrali promossi dalla Nuova Arena Pacini e dalle iniziative realizzate dal Museo Civico e Diocesano di Fucecchio.

“Una commedia dolce e amara, così affascinante quanto tremendamente complicata – queste le parole dell’autore, che meglio di ogni altra descrivono la biografia -. Ascoltare giorno dopo giorno il difficile percorso compiuto da Bruno si è rivelato non solo un appassionante viaggio fra mille avventure, è stato un progressivo conoscere le sfaccettature dell’animo umano, scoprirne le energie nascoste, accettarne le debolezze. Così, da scrittore, sono divenuto affascinato spettatore di una storia senza compromessi, caratterizzata da alti e bassi, da momenti in cui senti riaccendersi la speranza e da altri che improvvisamente ti fanno smettere di sognare. È stato bello fare la conoscenza di persone che nonostante tutto hanno sempre avuto la forza di rialzarsi. E che giunti a questa stagione della vita, cercando di continuare a guardare avanti, hanno sentito la necessità di sentirsi ancora vivi e ancor più profondamente amati. Grazie Bruno, grazie Teresa. Ci sarà ancora un bel pezzo di vita, per la vostra famiglia, da ben recitare”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.