Quantcast

Palio di San Rocco, tante le novità per la 13esima edizione del Festival del pensiero popolare

Tra queste il ritorno alla versione lunga, dal 10 al 16 agosto

Cos’è, in fondo, il pensiero popolare? È ritorno fra la gente e fra le case, immersi nella microstoria dei quartieri. Navigazione che da tredici anni, ormai, in agosto a San Miniato significa Palio di San Rocco Pellegrino, festival del pensiero popolare che da tre anni è vede la direzione artistica dell’associazione Tra i Binari.

L’edizione di quest’anno, dal 10 al 16 agosto, presenta per la prima volta un’estensione che va oltre la storica sede della manifestazione, non più relegata al solo storico quartiere dello Scioa. Quattro luoghi che attraversano il centro storico anche nelle parti non consuete per questa occasione, ma soprattutto una programmazione che cerca ancora più approfonditamente di entrare in connessione con la comunità. Spettacoli, incontri, giochi, cene, lotteria ma soprattutto per la prima volta una programmazione di laboratori per bambini, adulti, anziani, che ci auguriamo possa essere una sezione del festival sempre più sviluppata.

A presentare il programma, questa mattina (7 agosto) nell’oratorio di San Rocco, il sindaco di San Miniato Simone Giglioli, gli assessori Elisa Montanelli e Loredano Arzilli, insieme a Francesco Mugnari e Marina Capezzone dell’associazione Tra i Binari. “Questo è un quartiere particolarissimo, una piccola città nella città. Un quartiere che ha delle nicchie di bellezza veramente stupefacenti. – dichiarano il sindaco Giglioli e gli assessori Montanelii e Arzilli -. Non era scontato poter riproporre la formula della settimana di eventi, perché la situazione pandemica è ancora presente. Per fortuna non è stato così: una settimana di iniziative che non saranno solo nello Scioa, anche se questo resterà il luogo principale, ma che si snoderanno lungo tutto il centro storico, a testimonianza del forte radicamento che questa associazione ha con il nostro territorio e con un quartiere pieno di storia”.

L’edizione di quest’anno ha per titolo: L’esilio, il riscatto per una comunità che sogna. “Quante forme di esilio si conoscono? – si chiede Francesco Mugnari, di Tra i Binari. – L’esilio dalla propria terra, dalle proprie radici, dalla patria, dove si perde il senso dell’identità e dell’appartenenza di una persona. L’esilio come solitudine e separazione; come questo tempo pandemico che ha attraversato le nostre vite, separando, creando barriere e distanze, generando nostalgia e desideri di ritorni. L’esilio, l’exul, colui che è solo, l’allontanamento da ciò che è caro, dagli affetti, ciò che ognuno di noi ha sperimentato in questo anno, e quanto più ha toccato le vite delle condizioni più fragili; gli anziani, i bambini e i giovani. Esilio come sradicamento dunque ma anche come occasione di riscatto, di nuove forme di rinnovamento di vita, dove nel tentativo di resistere nella disperazione estrema si possono creare le condizioni per attivare le energie migliori dell’essere umano (pensiamo alle esperienze di Dante o Don Milani, o Gramsci) e provare a realizzare, attraverso esercizi di comunità, quella comunità stessa di popoli, una condizione essenziale per una vita dignitosa a misura di tutti”.

Il programma

I primi tre giorni di apertura vanno a stuzzicare la San Miniato del centro storico che solitamente non è scenario di San Rocco, aprendo il 10 agosto con i giovani del progetto On The/ Under Ground in Piazza Mazzini, in collaborazione con il Decri’s Pub, con la presentazione del documentario creato in occasione della carovana del 22 maggio scorso. A seguire concerti, performance e mostre sempre a cura del collettivo. I due giorni successivi si spostano tra Piazza del Duomo e lo Chalet. L’11 agosto sarà dedicato al cinema in collaborazione con Arci Zona Cuoio, con un incontro dedicato a Immaginario e Comunità allo chalet con Andrea Falaschi, Costantino Maiani e Francesco Ciaponi alle 19,30 e con la con la proiezione gratuita, alle 21,30, del film L’altro volto della speranza del finlandese Aki Kaurismäki, Orso d’argento 2017 a Berlino come miglior regista. Il 12 agosto avrà la poesia protagonista alle 19,30 allo Chalet con le Incursioni poetiche a cura dell’associazione Moti Carbonari. A seguire presentazione del progetto Green Community: riqualificazione di un’area verde. Spettacolo di poesia, invece, al Duomo alle 21,30 con gli ospiti di eccezione Massimiliano Bardotti e Chiara Riondino. Il 13 agosto entriamo nel vivo di piazza Buonaparte con una prima serata che strizza l’occhio ai più piccoli, con lo spettacolo Et Voilà di Lorenzo Clown. La sera sarà la volta di Rosa spettacolo di Clown di e con Teresa Bruno. Il 14 agosto sarà una serata interamente dedicata agli ospiti della Compagnia AnelloDebole di Felino, in provincia di Parma. Il 15 agosto sarà accompagnato dalle note di Lisetta Luchini con Marta Marini (mandolino) e Sara Ceccarelli (flauto traverso) e il loro spettacolo Popolar…issimamente, con canzoni popolari toscane. Il 16 agosto alle 18 si terrà il tradizionale Palio di San Rocco in Piazza Buonaparte, a seguire la serata sarà accompagnata da una grande festa finale con la Large Street Band che scalderà gli animi, in attesa dell’estrazione della Grande Lotteria di San Rocco Pellegrino con i premi creati dai prodotti e servizi offerti dagli esercenti del centro di San Miniato.

I laboratori

Grande novità di quest’anno, poi, saranno i tre laboratori gratuiti dedicati ai più piccoli. “Saranno tutti rigorosamente gratuiti – spiega Marina Capezzone, dell’associazione Tra i Binari – e rappresentano il centro del lavoro della nostra associazione, da sempre dedita al teatro di cittadinanza”. Ne sono previsti tre: il primo, di teatro, a cura di Marina Capezzone e intitolato Alla ricerca dell’isola che non c’è si svolgerà al giardino Migliorati l’11, il 12 ed il 13 agosto dalle 18 alle 19,15; il secondo, di scrittura, a cura di Stefano Cavallaro e Massimiliano Bardotti, si terrà alla loggia di Casa Lotti e al vicolo del Bellorino giovedì 12 dalle 18 alle 19,15; il terzo, infine, a cura di Moira Bartoli, sempre a casa Lotti venerdì 13 agosto. Per partecipare è sufficiente presentarsi (per i maggiori di 12 anni, muniti di green pass) o telefonare al numero 3402350491.

Green pass

Nel rispetto delle disposizioni governative vigenti (decreto legge del 23 luglio 2021), per accedere agli spettacoli sarà obbligatorio avere il green pass corredato da un valido documento di identità. Le disposizioni non si applicano ai bambini di età inferiore ai 12 anni e ai soggetti con certificazione medica specifica. Rimangono in vigore le norme che rendono obbligatorio l’utilizzo della mascherina e dei dispenser di gel igienizzante.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.