Quantcast

Pisa, celebrato l’anniversario della Liberazione della città foto

Evento con la partecipazione della comunità ebraica di Pisa, del comitato provinciale Anpi di Pisa e di Via Libera.

Si è svolta stamattina (2 settembre) la cerimonia per il 77esimo anniversario della Liberazione di Pisa. Le celebrazioni sono organizzate dal Comune di Pisa con la partecipazione della comunità ebraica di Pisa, del comitato provinciale Anpi di Pisa e di Via Libera.

A conclusione del programma di iniziative svolte in diverse parti della città, sotto le Logge di Palazzo Gambacorti si è tenuta la deposizione di una corona di alloro alla lapide in ricordo dei caduti e, di seguito gli interventi del sindaco di Pisa, Michele Conti, del presidente della Provincia di Pisa Massimiliano Angori, del presidente del consiglio comunale di Pisa Alessandro Gennai e del presidente del comitato provinciale Anpi di Pisa, Bruno Possenti.

“Oggi , come ogni anno – ha detto il sindaco di Pisa, Michele Conti – celebriamo una data storica per Pisa e rendiamo omaggio alle tante vittime della guerra e ai caduti della lotta di Liberazione. Era il 2 settembre 1944 quando gli americani, dopo aver passato l’Arno tra Caprona e Uliveto, proseguirono verso Pisa e arrivarono a liberare la città, dopo un mese e mezzo che la popolazione stava attendendo quel momento. Le truppe alleate, dopo le ingenti perdite subite, pensarono infatti di aggirare Pisa e dirigersi prima verso Firenze, spostando il fronte qualche chilometro più a Nord, lungo la linea totica, dove sarebbe rimasto fino al 25 aprile 1945. La ricorrenza storica segna la fine di un agosto drammatico per i Pisani, in cui protagonisti furono la fame, la paura, i bombardamenti, la morte”.

“La città – ha ricordato – aveva subito 54 attacchi aerei in 45 giorni, il bombardamento del 31 agosto aveva devastato gran parte della città, accanendosi nei quartieri della Stazione e di Porta a Mare che vennero praticamente rasi al suolo, provocando la morte di molte centinaia di civili e condannando allo sfollamento larga parte della cittadinanza. Il 2 settembre, quando finalmente gli Alleati fecero il loro ingresso in città, fu il  giorno del ritorno della pace nella città di Pisa e l’inizio del percorso verso la democrazia. In quello scenario di dolore, distruzione e disorientamento fu fondamentale l’opera di molti rappresentanti delle istituzioni che seppero farsi carico della responsabilità della ricostruzione. Mi riferisco ai tanti sindaci che hanno avuto un ruolo fondamentale in quel periodo e negli anni successivi, da Italo Bargagna a Vittorio Galluzzi, da Renato Pagni a Enrico Pistolesi, ai quali abbiamo reso omaggio stamattina deponendo le corone di alloro. Grazie al loro impegno fu possibile ricostruire con pazienza e equilibrio il senso di appartenenza alla comunità pisana, incentivando lo spirito di coesione necessario per ritornare alla vita quotidiana. Il nostro impegno a ricordare oggi, significa anche adoperarsi affinché quelle pagine buie della nostra storia non si ripetano più e la nostra comunità sappia mantenere intatta la stessa forza e lo stesso spirito che ha permesso di ricostruire la nostra città”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.