Quantcast

Arrivato a Montopoli l’arazzo di San Lorenzo foto

Dalla basilica a Roma al piccolo oratorio del paese

L’arazzo proveniente da Roma, dalla basilica di San Lorenzo Fuori le Mura, da ieri (2 settembre) è in mostra sull’altare del piccolo oratorio di San Lorenzo a Pratiglione a Montopoli in Valdarno. Lo ha consegnato Stefano Mattii insieme al coro di Castelfiorentino a don Udoji parroco di Montopoli e al sindaco Giovanni Capecchi in quanto rappresentanti della comunità civile e religiosa.

“Da qui si parte per valorizzare ancora di più il nostro territorio – ha detto il sindaco Giovanni Capecchi – e conoscerlo meglio, auspico dunque che ogni anno a San Lorenzo possa esserci un momento di incontro tra tutti coloro che hanno abitato negli anni in questa borgata, una sorta di festa del ritorno, e che venga portato avanti un approfondimento storico sulla chiesa di San Lorenzo. Un lavoro già avviato da don Luciano Niccolai, Manuela Parentini e Valerio Martinelli. Conoscere e tramandare le nostre origini e le tradizioni religiose e laiche è un valore aggiunto per il tempo che viviamo”.

Una cerimonia raccolta, ma sentita grazie al calore del pubblico che giovedì sera ha potuto ascoltare i fili della storia riannodarsi fino ad arrivare all’oggi, a quando un microterritorio si è messo in collegamento con altre realtà italiane e del mondo partendo proprio dal culto di San Lorenzo. Una serata dedicata alle emozioni e alla riscoperta di storie antiche. Storie come quella di Stefano Mattii che ha raccontato come è nato l’inno a San Lorenzo (tradotto e cantato in molte lingue nel mondo) e come un piccolo coro di provincia sia diventato il coro principale delle celebrazioni della basilica romana.

“Questa sera – ha detto l’assessora alla cultura Cristina Scali – abbiamo unito arte, storia e tradizione. Un risultato frutto di un lungo percorso che ha visto impegnate più persone su più fronti. C’è la ricostruzione storica e la costruzione di nuovi legami. Ringrazio chi si è dedicato a questo progetto e la comunità di San Lorenzo per la disponibilità”. “Dalla testimonianza di San Lorenzo – ha concluso l’assessore alla promozione e allo sviluppo del territorio, Valerio Martinelli – ne possiamo ricavare degli insegnamenti molto utili per i tempi che stiamo vivendo oggi. Siamo molto felici che questa tradizione trovi di nuovo casa, qui, nel nostro comune”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.