Quantcast

Il Palio di Fucecchio torna in Buca, con 2.500 spettatori e green pass. Il Cencio è di Cino

Sarà presentato senza pubblico in piazza. Salta la sfilata, da domenica 19 settembre gli eventi di avvicinamento

Dopo un anno di stop, il Palio di Fucecchio si prepara a tornare in Buca (qui) come uno dei pochissimi palii che si disputerà in Toscana nel 2021. La 40esima edizione del Palio delle Contrade “Città di Fucecchio” non sfugge però alle restrizioni per il contrasto alla diffusione del covid, che limitano il numero degli spettatori a 2.500.

La regia della Gazzetta di Siena che seguirà e racconterà tutto il fermento che porta con sé il palio delle Contrade di Fucecchio nelle 96 ore che lo precedono è solo una delle novità di questo anno paliesco del tutto originale. Il primo Palio dell’era Covid targato San Candido avrà uno svolgimento molto particolare condizionato dalle misure restrittive alle quali il Cda della manifestazione dovrà attenersi. Il programma ufficiale e le modalità di trasmissione e partecipazione agli eventi sono state illustrate questa mattina (13 settembre) nel cortile del palazzo Cordini adiacente il museo civico in piazza Vittorio Veneto alla presenza dei presidenti delle dodici contrade, del Sindaco Alessio Spinelli, dell’Assessore comunale Daniele Cei, del presidente del Cda Luca Niccolò Cannella e del pittore e medico Giosuè Cino.

L’appuntamento è per domenica 26 settembre a partire dalle 14,30: prima le due batterie eliminatorie e a seguire la finale. Per assistere alla corsa nella Buca del Palio sarà obbligatorio il green pass e i biglietti sono venduti dalle Contrade al costo di 25 euro. Da domenica 19 settembre torneranno anche molti eventi che caratterizzano la settimana paliesca di Fucecchio, a partire dal mercatino delle Contrade che per tutto il giorno animerà piazza Montanelli con i colori e gli stemmi dei 12 rioni.

Le restrizioni anti covid invece modificheranno in parte gli appuntamenti infrasettimanali: le prove obbligatorie di giovedì 23 e venerdì 24 settembre saranno senza pubblico così come la presentazione del Cencio martedì 21 settembre alle 21,30 e la firma dei fantini sabato 25 settembre alle 11, entrambe al parco Corsini. Sempre con il pubblico limitato a 2500 persone (ingresso 5 euro) e nella Buca anziché, come da tradizione, in piazza Montanelli si terrà la “tratta”, l’assegnazione dei cavalli alle Contrade, in programma mercoledì 22 settembre alle alle 18.

L’unico evento che non potrà tenersi per motivi di sicurezza relativa alla situazione sanitaria sarà la sfilata con i costumi storici delle 12 Contrade. Al suo posto, la domenica mattina prima della corsa alle 9 ci sarà una processione religiosa dedicata a San Candido, il patrono di Fucecchio che si festeggia il 3 ottobre. Le reliquie del martire percorreranno le vie cittadine da piazza Aldo Moro fino alla Collegiata di San Giovanni Battista in piazza Vittorio Veneto dove verranno benedette. Alla processione il pubblico potrà assistere ai lati delle strade con l’obbligo di indossare la mascherina protettiva e mantenendo il distanziamento interpersonale.

Come spiegato dal presidente del Cda Luca Niccolò Cannella, “era giusto pensare a un palio diverso rispetto a quello degli anni precedenti. Finalmente riusciremo a fare una cerimonia ufficiale quasi dopo due anni, rispettando tutte le normative anti-Covid vigenti”.

Espone poi il programma di tutti gli eventi che concernono la settimana paliesca in ordine cronologico. Partendo da domenica (19 settembre) in cui si terrà il mercatino delle Contrade che per tutto il giorno animerà Piazza XX Settembre con i colori di tutti e 12 i rioni. Martedì 21 si terrà poi la presentazione del Cencio in Piazza Vittorio Veneto senza pubblico così come le prove obbligatorie di giovedì 23 e venerdì 24 e la firma dei fantini sabato 25 settembre alle 11. Mercoledì (22 settembre) invece alle 18 si svolgerà la “tratta” il cui costo sarà 5 euro (cioè l’assegnazione dei cavalli alle contrade) nella Buca anziché, come da tradizione, in Piazza Montanelli con il pubblico limitato a 2500 persone. La vera e propria corsa dei cavalli si terrà domenica 26 settembre nella Buca a partire dalle 14,30 con un numero massimo di 2500 spettatori. I biglietti saranno venduti alle Contrade al costo di 25 euro e dalla prossima settimana anche in alcuni esercizi commerciali di Fucecchio. Per accedere sarà obbligatorio il Green Pass.

Come spiegato poi dall’assessore comunale Daniele Cei, “a tutti questi eventi i contradaioli potranno assistere sia tramite la diretta Facebook della pagina Palio di Fucecchio sia in tv su Antenna 50 (canale 615 del digitale terrestre), emittente che trasmetterà in diretta anche la corsa di domenica 26 settembre. Gli approfondimenti quotidiani sul Palio di Fucecchio saranno trasmessi anche sulla pagina Facebook della Gazzetta di Siena. L’unico evento che non avrà luogo quest’anno per motivi di sicurezza legati al Covid-19 è la sfilata storica delle 12 Contrade. Al suo posto, alle ore 9 di domenica 26, prima della corsa, si terrà una processione religiosa dedicata a San Candido, patrono di Fucecchio celebrato il 3 ottobre. Le reliquie del martire percorreranno le vie cittadine da Piazza Aldo Moro fino alla Collegiata di San Giovanni Battista in Piazza Vittorio Veneto dove verranno benedette. Alla processione il pubblico potrà assistere ai lati della strada con l’obbligo di indossare la mascherina e mantenendo il distanziamento sociale”.

Il Cencio della 40esima edizione Palio delle Contrade Città di Fucecchio sarà realizzato dal pittore Giosuè Cino. Nato a Carbonia, vive a Fucecchio dal 1976. Comincia a dipingere nel 1972 sotto lo sguardo attento del padre insegnante e valente pittore. Alterna la pittura alla scrittura e agli studi in medicina e chirurgia. Partecipa a numerose collettive esponendo in numerose città italiane ed Europee. Ha tenuto la sua prima personale Impronte di vita a Fucecchio nel 2001. Nel 2002 vince il secondo premio al concorso di pittura estemporanea Tratto d’artista a Ponte a Elsa. Nel 2004 realizza La Divina Commedia per immagini presentando al pubblico il videomontaggio dell’Inferno. Nel 2017 la seconda personale La copia del bello e il bello della copia. Dal 2003 è socio fondatore dell’associazione Praesidium Culturae, con sede a Fucecchio. Il centro si propone di svolgere attività culturale, promuovendo studi, iniziative, manifestazioni di vario genere per una vasta e civile diffusione della cultura e l’amore per qualsiasi forma d’arte. Negli ultimi anni si è dedicato anche alla regia di spettacoli teatrali polivalenti con il gruppo InGirodiDo ottenendo unanime consenso.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.