Quantcast

“Riuscire a far ridere dando nozioni, sarà la nostra personale battaglia”

La compagnia Passepartout e Katia Beni raccontano l'episodio che ha reso celebre nel mondo San Romano

La storia c’è, ma raccontata con ironia e leggerezza. Lo spettacolo teatrale La battaglia di chi? Conferenza semi seria sulla battaglia di San Romano sarà messo in scena dalla compagnia Passepartout con la partecipazione straordinaria di Katia Beni, sabato 16 ottobre alle 21,15 nella sala del Don Enzo Terreni a Capanne.

La battaglia di San Romano è conosciuta in tutto il mondo grazie al trittico realizzato da Paolo Uccello. Tre episodi raccontati su altrettanti pannelli, oggi conservati in tre dei musei più famosi del mondo la National Gallery di Londra, gli Uffizi di Firenze e il Louvre di Parigi.

“In tutto il mondo conoscono il nome di San Romano – spiegano il sindaco di Montopoli Valdarno Giovanni Capecchi e l’assessore alla cultura Cristina Scali – attraverso l’opera di Paolo Uccello. Studiare e divulgare quell’episodio della nostra storia e il trittico che ne è nato fa parte di un’importante azione di promozione del territorio. Come amministrazione stiamo lavorando per mostrare le bellezze di Montopoli, la sua arte e la sua storia. Grazie alla compagnia per lo studio semi serio. Esempio di quanto il teatro possa veicolare il messaggio di promozione turistica di un luogo”.

Un viaggio tra i confini e le lotte di potere del ‘400 toscano intrapreso usando come mappa una delle opere d’arte italiane più conosciute al mondo. “Cosa vuol dire conferenza semi seria? – spiegano dalla compagnia -. Seria perché abbiamo studiato, ci siamo documentati, abbiamo trovato curiosità grazie al gruppo di studio sulla battaglia di San Romano. Semi perché sarà uno spettacolo folle, surreale e comico. Riuscire a far ridere mentre si danno delle nozioni storico culturali, sarà la nostra personale battaglia“.
L’ingresso è gratuito ma con obbligo di green pass.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.