“Il territorio pisano è pieno di luoghi feriti dall’incuria”

“Con 92mila segnalazioni, la Certosa di Calci è il secondo Luogo del Cuore in Italia (leggi qui). Questo risultato mi riempie di orgoglio come pisano”. Così Andrea Pieroni, ex presidente della provincia di Pisa e candidato al consiglio regionale della Toscana, commenta il risultato del censimento del Fondo ambientale italiano.

“Pisa non è solo la Torre – spiega Pieroni – e anche questo prestigioso risultato ci dimostra che l’Italia se ne sta accorgendo. Se il turismo è tra i punti di forza della Toscana, necessario è che il suo immenso patrimonio archeologico, monumentale e culturale venga riscoperto e valorizzato, perché diventi un veicolo di sviluppo. Da cittadino di questa provincia e poi da presidente, ho scoperto cose meravigliose ferite dal tempo e dall’incuria, per questo, a volte, poco fruibili e che mi piacerebbe potessero scoprire anche altri, magari inserite in itinerari turistici ad hoc”.
Impossibile ricordare tutti questi gioielli, “ma se devo dirne alcuni, per fare degli esempi – spiega Pieroni -, ci sono San Paolo a Ripa d’Arno, la Fortezza della Verruca e il campanile della basilica di San Piero a Grado. Per riportare all’antico splendore tutto questo e anche il resto, però, servono strategie, sinergie, idee e collaborazioni che diano risultati in tempi brevi, per non perdere quello che resta, anche con l’aiuto degli enti”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.