Asl 5: “Non necessaria la terapia intensiva a Volterra”

“Non è importante il posto letto di terapia intensiva per mettere in sicurezza un territorio, ma la funzionalità della catena dell’assistenza che parte dalla presenza di infermieri esperti e medici con competenze rianimatorie, sia in ospedale sia sul territorio, in grado di supportare l’emergenza con il Blsd (che tradotto per i non addetti ai lavori è il supporto alle funzioni vitali del circolo sanguigno e della respirazione più la competenza nell’uso del defibrillatore)”. Così l’azienda sanitaria pisana risponde al sindaco di Volterra in relazione alle affermazioni sulla necessità della terapia intensiva all’ospedale volterrano.

“L’arresto cardiaco e la morte improvvisa si combattono infatti in qualunque contesto assistenziale, implementando e mantenendo aggiornate, con una logica di rete, competenze vere e diffuse tra gli operatori dell’assistenza, non tanto con letti dedicati specialistici, riservati a pochi centri che li utilizzano con efficienza ed appropriatezza. E’ bene precisare che il paziente in questione è stato immediatamente soccorso dal personale infermieristico presente in chirurgia, che ha allertato i medici di guardia in pronto soccorso e in cardiologia. Le manovre rianimatorie messe in atto dal personale sanitario hanno consentito un immediato recupero dello stato di coscienza del paziente che è stato temporaneamente messo in osservazione in Utic, dove non sono state evidenziate alterazioni del quadro elettrolitico o aritmie cardiache, sono state escluse sia una sindrome coronarica sia una patologia cerebrovascolare acute. I sanitari hanno stabilizzato il quadro emodinamico con sola infusione di liquidi, tanto è vero che la mattina dopo è stato trasferito in chirurgia. Il trattamento a cui è stato sottoposto il paziente sarebbe stato lo stesso in un semplice reparto di medicina dove esistono posti letto monitorizzati e in casi particolari è importante che i pazienti siano stabilizzati per poi essere trasferiti in centri specialistici. Ovviamente rimane la soddisfazione della buona qualità dell’assistenza e della capacità degli operatori, infermieri e medici, che sono intervenuti nell’episodio specifico ed ai quali va il ringraziamento della direzione aziendale e, soprattutto, c’è soddisfazione del buon esito per il paziente. Appare quindi ingiustificato far derivare dalla vicenda significati ed indicazioni che le sono assolutamente estranei che possono dare una poco corretta informazione contraria all’interesse reale dei cittadini”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.