Il pane di San Rossore in 27 negozi da lunedì

Più informazioni su

Un’idea diventata un prodotto che tutti i consumatori potranno acquistare e gustare. Il pane di San Rossore è il primo risultato della volontà dell’Ente Parco di promuovere direttamente le oltre 200 aziende agro-zootecniche e i numerosi produttori di prodotti tipici: volontà che è stata espressa da tempo e che ha ispirato le politiche di promozione lanciate con forza dall’Ente Parco nei mesi scorsi.

Con l’inizio del 2016 sarà disponibile in 27 punti vendita Unicoop delle province di Pisa, Lucca e Livorno il “pane di San Rossore”, frutto di un Piano integrato di filiera (Pif) iniziato tre anni fa, che ha visto coinvolta la società Cerealia di Montaione, partecipata da Unicoop Firenze, ed aveva l’ambizione di lavorare grani prodotti nel territorio del Parco regionale di Migliarino San Rossore Massaciuccoli. Nel Pif, che rientra in un programma regionale volto a promuovere produzioni cerealicole sul territorio toscano, anche col recupero di grani antichi, sono stati coinvolti, oltre ai produttori agricoli del Parco, la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa e la Facoltà di Medicina dell’Università degli studi di Firenze. I programmi varati dall’Ente prevedono infatti, per gli imprenditori, la possibilità di aderire a specifici albi hanno lo scopo di creare una rete sinergica tra il Parco, le aziende agricole che operano all’interno dei suoi confini e quelle che sul territorio regionale operano nella trasformazione dei relativi prodotti, garantendo la “riconoscibilità” delle tipicità del loro lavoro e qualificandosi quale opportunità per la predisposizione di appositi progetti e per l’attivazione di altri canali distributivi e commerciali. L’utilizzo della denominazione pane di San Rossore è stato possibile proprio in virtù dell’intenzione dell’Ente di sostenere concretamente, in questo caso, la produzione di alcune aziende agricole della zona vecchianese della Bonifica del Massaciuccoli, in Val di Serchio, organizzate nella omonima cooperativa. La filiera di produzione del pane è corta, giacché la materia prima viene conferita direttamente alla società Cerealia, che gestisce il nuovo mulino di Montaione, e che utilizzando la farina di grano tenero del Parco, macinato a pietra, realizza appunto questa linea di prodotto davvero unica, in vendita da lunedì 4 gennaio nei negozi Unicoop.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.