Guardie Città:”Diffidate da falsi addetti e truffe”

“Sconosciuti suonano il campanello di casa spacciandosi per personale delle Guardie di Città. Il Corpo non ha alcun incaricato commerciale autorizzato ad andare nelle aziende e nelle abitazioni a proporre contratti di vigilanza”. Lo fa sapere l’istituto di vigilanza privata, “a seguito di numerose segnalazioni dei nostri clienti ma anche di altri cittadini che sono venuti a contatto con persone di dubbia reputazione che volevano entrare in casa o nelle loro aziende dicendo di dover fare il sopralluogo per organizzare i servizi di vigilanza”.

Il Corpo Guardie di Città potrà riprendere la propria attività solo il 31 marzo (leggi qui Guardia uccisa, licenza sospesa all’istituto di vigilanza ) e questo basta a convincere i concorrenti a “tentare di rubare clienti” precisando che “l’Istituto Corpo Guardie di Città è chiuso ed è stato inglobato dal loro istituto di vigilanza oppure si presentano dicendo che il Corpo Guardie di Città non potrà mai più garantire servizi di vigilanza armata e che quindi, in nome anche della convenienza, propongono offerte, promozioni e sconti dicendo che basta una ‘firmetta’ per assicurarvi vantaggi fantasmagorici e servizi di vigilanza eccellenti anche a prezzi bassissimi. Una firma sul contratto può avere conseguenze inimmaginabili. Questi addetti alla vendita porta a porta, infatti, quando suonano al campanello, non danno tregua finché non ottengono la sottoscrizione a costo di raccontare falsità e di terrorizzare l’utente per costringerlo a firmare il contratto senza neppure far presente sommariamente i dettagli dell’offerta e giungendo talvolta a dichiarare che solo loro possono garantire la vigilanza. Firmato il contratto a tutti gli effetti si autorizza la società di vigilanza in questione ad emettere fatture. Si invita pertanto la cittadinanza a prendere il nominativo ed i recapiti del rappresentante, oltre al nome dell’Istituto di Vigilanza, che si presenterà alla loro porta e di denunciare alle forze dell’ordine simili episodi. Si precisa altresì che l’Istituto di Vigilanza Privata Corpo Guardie di Città non chiuderà e né è privo di licenza prefettizia perché i titoli di polizia sono stati sospesi solo fino al 30 marzo 2016 e non revocati come invece i concorrenti vanno dicendo per accaparrarsi la quota di mercato del Corpo Guardie di Città. Dal 31 marzo Corpo Guardie di Città riprenderà l’attività di vigilanza armata”.

 

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.