Quantcast

Poste, Regione contro la riorganizzazione

Più informazioni su

Il consiglio regionale della Toscana ha approvato all’unanimità una mozione in merito al piano di riorganizzazione del servizio di consegna da parte di Poste italiane in Toscana. La mozione impegna la giunta “a tutelare i cittadini toscani, di fronte al piano di razionalizzazione di Poste italiane Spa, in modo che su tutto il territorio regionale sia fatto valere il principio per cui il servizio postale deve continuare a essere realmente pubblico e universale”.

Impegna inoltre a “convocare una rappresentanza dei sindaci dei piccoli comuni montani, insieme alla dirigenza di Poste italiane, per avere una valutazione circa la qualità del servizio”, ad “attivare una linea diretta con i piccoli comuni per segnalare tempestivamente i casi di disservizi” e a “rafforzare le politiche regionali in materia di contrasto allo spopolamento dei comuni disagiati”. Come ha spiegato Casucci illustrando la mozione all’aula, la riorganizzazione avviata comporta la consegna a giorni alterni e numerosi tagli. Ciò “crea disservizi soprattutto per i piccoli comuni montani e ha una pesante ricaduta occupazionale”.
Tommaso Fattori si è detto favorevole, ribadendo che “se si vuole valorizzare, come è stato appena detto, tutte le aree del nostro territorio, bisogna garantire i servizi ovunque”. Voto favorevole è stato annunciato anche da Leonardo Marras, il quale ha specificato che “una riorganizzazione è necessaria, ma non possono essere penalizzate le aree marginali”. Anche Irene Galletti si è detta favorevole, perché “si tratta di un servizio al cittadino che va declinato in tutte le sue forme”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.