Riforma costituzionale, l’analisi nell’incontro di ‘Fare politiche’ foto

Si è parlato di riforma costituzionale, questa mattina 14 maggio, nella biblioteca dell’ex convento dei Cappuccini di Pisa. Era questo il tema della prima iniziativa promossa dalla nuova associazione “Fare Politiche”. Un momento di riflessione importante su un argomento attuale che porterà milioni di cittadini alle urne nel prossimo autunno. Più di cento le persone presenti, tra cui molti sindaci e amministratori del territorio e l’onorevole Paolo Fontanelli.

“La nostra associazione – ha dichiarato il presidente Valerio Martinelli – è nata con l’intento di favorire e promuovere il coinvolgimento e la partecipazione attiva dei giovani e dei cittadini alla vita pubblica del proprio territorio. Proprio per questo abbiamo deciso di partire da un argomento così attuale, offrendo un’occasione di incontro aperto con le istituzioni, una tavola rotonda per capire bene la portata della riforma e confrontarci su come la nostra repubblica potrà cambiare nei giorni che vengono. Dai nostri territori, cerchiamo insieme di raccogliere la sfida della formazione e del progresso, perché, più consapevoli, si possa guardare con coraggio al futuro ed esprimere contenuti e proposte di valore a tutti i livelli”.
Dopo i saluti del sindaco Marco Filippeschi, che soffermatosi sulla possibile evoluzione degli equilibri istituzionali del territorio, ha espresso la sua adesione al sì per il referendum sulla riforma costituzionale, è intervenuto il professore Emanuele Rossi del Sant’Anna di Pisa e autore del libro “Una costituzione migliore. Contenuti e limiti della riforma costituzionale”, illustrando i tratti fondamentali della riforma, nei suoi punti di forza e possibili criticità da un punto di vista tecnico. A seguire si è aperto un interessante dibattito che ha visto come protagonisti gli onorevoli Maria Chiara Carrozza, componente della commissione Affari esteri e comunitari, insieme a Marco Meloni, componente commissione Affari costituzionali e direttore della Scuola di politiche fondata da Enrico Letta e al consigliere regionale Andrea Pieroni.
“Il testo della riforma costituzionale rispecchia molti dei punti di programma del Partito democratico – ha dichiarato l’onorevole Marco Meloni – e l’obiettivo dell’attuale governo è quello di far passare questa riforma. Dobbiamo però fare in modo che il percorso verso il referendum sia partecipato e dedicato alla Costituzione e non ad un conflitto tra il sì e il no. E’ necessario approvare le leggi – ha continuato Meloni – che consentano una partecipazione più ampia dei cittadini alla cosa pubblica ed per questo che stiamo lavorando anche sulla legge elettorale”.
“In questo momento è necessario lavorare per la riforma costituzionale per informare e spiegare ai cittadini i contenuti – ha dichiarato l’onorevole Maria Chiara Carrozza -. Non sono negativa sull’idea dei comitati del sì, ma è importante concentrarsi sui contenuti e sugli obiettivi. I cittadini e i giovani devono essere sensibilizzati al voto. Questa legislatura ha un senso se riusciamo nella riforma costituzionale e nella riforma elettorale”.
“L’intento di questa iniziativa era parlare e far parlare della riforma costituzionale e a giudicare dalla sala piena, devo dire che ci siamo riusciti – ha detto Andrea Pieroni -. Questo è un momento importante di preparazione al referendum. Aggiornare e riformare la Costituzione è un passo che deve essere fatto. Ma la riforma deve essere fatta rispetto al merito e alle questioni oggettive e quindi le priorità sono le esigenze del paese, non il sistema di governo”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.