Quantcast

Esercito, la Folgore ricorda la battaglia di El Alamein

Domani 28 ottobre alle 10, la caserma Gamerra di Pisa ospiterà la cerimonia di commemorazione per il 74esimo Anniversario della Battaglia di El Alamein, occasione per tutti i paracadutisti d’Italia di ricordare i “Leoni della Folgore”, che combatterono nel deserto Africano un nemico preponderante, notevolmente più numeroso e meglio equipaggiato. La cerimonia testimonia valori quali l’onore, il coraggio, il sacrificio e la fedeltà, propri del soldato Italiano e che hanno contribuito a rendere grande il nostro Paese.

L’evento sarà presieduto dal Comandante del Comando Forze Operative Nord, Generale di Corpo D’Armata Bruno Stano dal Comandante della Divisione Friuli Generale di Divisione Carlo La Manna e dal Comandante della Brigata paracadutisti “Folgore” Generale di Brigata Roberto Vannacci.
La Brigata Paracadutisti “Folgore” la grande Unità elementare dell’Esercito Italiano, composta da personale specializzato in grado di operare in tutti gli scenari operativi a seguito di aviolancio.
Gli uomini e le donne della “Folgore” hanno partecipato, negli ultimi anni, a tutte le operazioni fuori area in cui sono state impiegate le Forze Armate Italiane, sono stati più volte chiamati ad operare anche in soccorso della popolazione colpita da calamità naturali e nell’incremento della sicurezza sul territorio nazionale nell’ambito dell’operazione “Strade Sicure”. Tantissimi giovani, oggi, vogliono entrare a far parte della “Folgore” e questo è un messaggio di ottimismo per il Paese, di forza, di coraggio e di coesione.
Durante la cerimonia, nel piazzale della caserma, sarà effettuato un lancio di paracadutisti con la tecnica della caduta libera, sarà inoltre possibile visitare il museo delle Aviotruppe e una serie di stand espositivi di mezzi e materiali in uso ai reparti della Brigata paracadutisti “Folgore”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.