Quantcast

Isolotto, Arno e canali: più di un milione per la manutenzione foto

Più di un milione di euro per lavori di manutenzione sul fiume Arno e sui suoi affluenti, divisi in due lotti. Alcuni già completati, altri da eseguire, sono finanziati dalla Regione Toscana e saranno eseguiti dal Consorzio di bonifica 4 basso Valdarno. Priorità di intervento, dislocazione dei mezzi sull’asta dell’Arno e condizioni meteo che possono rallentare o impedire l’accesso nelle golene o sugli argini saranno i criteri seguiti per l’esecuzione.

Oltre al taglio di vegetazione, sono previste opere di disbosco nei tratti in cui le alberature ad alto fusto non sono state mantenute e, ad oggi, creano un impedimento al regolare deflusso delle acque, decespugliamento delle sponde e dell’alveo dei tratti dei canali nella golena del fiume, ripristino transitabilità su tratti di banchina o sulle testate arginali e lungo le piste adiacenti gli argini, ripristino frane attive con apporto e movimento terra o realizzazione di scogliere e buche in corpo arginale per presenza di tane di animali. Tra gli interventi, poi, l’abbattimento alberi ad alto fusto cresciuti in alveo o sulle opere idrauliche, rifacimento e nuova realizzazione di canaline di scolo delle acque meteoriche, manutenzione straordinaria alle rampe ed alle strade di accesso, lavori di scavo e movimento terra in aree indicate dai sorveglianti idraulici.
I tratti interessati
Gli interventi, alcuni già avviati, saranno eseguiti alle due sponde dell’Arno, compresi i corsi d’acqua classificati in II categoria affluenti del fiume, Canale Usciana e Canale Allacciante, Era, torrente Egola, Rio Dogaia, Rio Filetto, Rio San Bartolomeo, Canale Scolmatore, Bacino Roffia e Rio Arnino (comune di San Miniato), Arno Ovest e Tora.
I lavori del I lotto, eseguiti da ditte esterne, riguarderanno i canali Usciana e Allacciante nei comuni di Fucecchio, Santa Croce, Castelfranco di Sotto, Santa Maria a Monte, Calcinaia, il fiume Era, torrente Egola, Rio Filetto, Rio San Bartolomeo, Rio Dogaia nei comuni di Fucecchio, San Miniato, Montopoli, Pontedera, Ponsacco, Calcinaia, il Canale Scolmatore.
Taglio di alberature e accatastamento o abbruciamento, poi, rimozione depositi con acqua a pressione, ingrassaggi e lubrificazione, rimozione materiali terrosi, pulizia di pozzetti e alloggiamenti riguarderanno, poi, fiume e canali di Pisa, San Giuliano, Cascina, Vicopisano, Calcinaia, Pontedera, Santa Maria a Monte, Montopoli Valdarno, Castelfranco di Sotto, Santa Croce, San Miniato, Fucecchio, Cerreto Guidi.
Tra gli interventi in programma, poi, la pulizia dell’isolotto di San Donato eseguita con le economie conseguite con ribassi d’asta su indicazione del Genio Civile a San Donato di San Miniato e Santa Croce sull’Arno.

 

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.