Azienda pisana chiede ai lavoratori di creare comitato per il Sì, la denuncia di M5S

“Dopo la denuncia fatta dal movimento 5 Stelle sull’eventuale scambio elettorale in vista del referendum, in particolare da parte del presidente della regione Campania Vincenzo De Luca, ora si accendono i riflettori su un’altra vicenda avvenuta in Toscana”. Lo denuncia la portavoce M5S al Senato Sara Paglini.

“La società toscana Td Group Spa, con circa 300 lavoratori, ha inviato una mail ai propri dipendenti per chiedere loro di costituire Comitati per il Sì. La Td Group non è un’azienda qualunque. Si tratta infatti – prosegue la portavoce – di una impresa vicina al Pd Toscano ed in particolare al consigliere regionale Antonio Mazzeo, fedelissimo renziano nonché responsabile del Comitato regionale della Toscana per il Sì. Un’azienda che avrebbe ricevuto finanziamenti per oltre 16 milioni di euro dalla Regione Toscana e che è stata ritenuta, inoltre, dagli inquirenti una delle società che ha contribuito a provocare le sofferenze di Banca Etruria”.
“Per un’azienda che ha stretti rapporti con appalti pubblici, si tratta di un fatto gravissimo, non solo perché i lavoratori si saranno chiaramente sentiti intimiditi temendo ritorsioni dal proprio datore di lavoro, ma anche perché questa condotta va in netto contrasto con l’articolo 8 dello Statuto dei Lavoratori. Per far subito chiarezza, dunque, il M5S ha presentato un’interrogazione parlamentare in Senato, a mia prima firma e con l’apporto della collega Laura Bottici, Questore del Senato. Interrogazione alla quale auspichiamo che venga data immediatamente una risposta ufficiale, visto che il referendum costituzionale del 4 dicembre sarà decisivo per mantenere o asfaltare i diritti degli italiani”, conclude la senatrice Paglini.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.