Migranti, le proposte del presidente Rossi e dell’assessore Bugli foto

Più informazioni su

“La mia proposta è che non si facciano più passare gli appalti per l’accoglienza dalle prefetture, appalti che poi vanno normalmente a soggetti privati e cooperative, ma che quelle risorse entrino nei bilanci dei comuni, sulla base di precisi indirizzi e vincoli e magari con una programmazione di livello regionale”. La proposta è soltanto una di quelle che il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi ha fatto oggi 14 luglio a Firenze nell’occasione della presentazione del libro bianco della Toscana sull’accoglienza ai profughi.

“In Toscana – afferma Rossi – stiamo ospitando 13.600 migranti su una popolazione di 3 milioni e 700milla persone. Con quale coraggio possiamo definirla un’invasione? Bisogna non suscitare in un Paese disponibile all’accoglienza sentimenti di avversione o, peggio, xenofobi. Si tratta di un problema e come tale va gestito e governato. Se si continuerà a parlare di invasione – ha aggiunto -, i 40 Comuni toscani che dicono di no all’accoglienza e che sono pochi su una stragrande maggioranza che accoglie, aumenteranno, diventeranno 60, poi anche 120. Bisogna invece gestire questa situazione che, se ben guidata, può anche diventare opportunità di crescita per i nostri territori”.

Rossi ha messo in evidenza il valore del modello toscano di accoglienza diffusa sperimentato negli ultimi 5 anni e indicato anche quello che, a suo avviso, dovrà essere il prossimo obiettivo: “Nel 2012 ci opponemmo alla realizzazione di un grande Centro a Coltano (Pisa) e promuovemmo quel modello di accoglienza diffusa e distribuita in tutto il territorio coinvolgendo i comuni e il grande tessuto di volontariato presente in Toscana. Quel modello è sempre in auge. Ora il passaggio nuovo, a mio avviso, è quello di responsabilizzare e coinvolgere ancora di più i comuni nella gestione dell’accoglienza e dei successivi progetti di integrazione. La mia proposta è che non si facciano più passare gli appalti per l’accoglienza dalle prefetture, appalti che poi vanno normalmente a soggetti privati e cooperative, ma che quelle risorse entrino nei bilanci dei comuni, sulla base di precisi indirizzi e vincoli e magari con una programmazione di livello regionale. Con un cambiamento di questo tipo nascerebbero tantissimi progetti di integrazione con i quali si potrebbero ripopolare zone abbandonate, riprenedere e rilanciare attività produttive, si innescherebbe cioè un meccanismo tale da trasformare un problema in opportunità di crescita e di sviluppo. Laddove questo modello è stato sperimentato, per esempio, nella locridee i risultati sono andati in questa direzione”.
Il presidente si è detto a sua volta favorevole a un’altra proposta, volta in questo caso ad affrontare un’altra questione connessa all’arrivo dei migranti e, in particolare alla loro permanenza e cioè la presenza di un numero elevatissimo di clandestini. “Io ho sottoscritto e promuovo la proposta di legge di Emma Bonino per promuovere il superamento della Bossi-Fini e far emergere il popolo sommerso degli invisibili, gli immigrati irregolari attraverso un permesso di soggiorno temporaneo per lavorare. E’ un idea che mi piace perché permette di far emergere i clandestini mettendo insieme le ragioni della solidarietà e quelle della crescita”. “L’idea di rimpatriare tutti gli irregolari, stimati in mezzo milione, la considero invece impensabile da un punto di vista economico. Costerebbe un’enormità”. Rossi ha infine detto la sua riguardo il dibattito corrente sull’aiutare i profughi a casa loro. “E’ giusto – ha esordito – però bisogna dire anche come, con quali soldi, visto che noi sino a oggi non l’abbiamo mai fatto: l’Italia è il Paese che aiuta di meno rispetto agli altri Paesi, siamo addirittura ultimi in Europa nella classifica degli aiuti”. “Per aiutarli, concretamente, a casa loro – ha poi aggiunto Rossi – si metta una tassa sulle transazioni delle multinazionali e una patrimoniale sui redditi sopra i 100mila euro”.
Sul valore del modello toscano dell’accoglienza si è espresso anche l’assessore all’immigrazione Bugli. “Sono oltre 100mila – ha ricordato l’assessore Bugli – i migranti sbarcati in Italia dall’inizio dell’anno. Dietro questo numero ci sono persone, con un nome e un cognome, una famiglia, una storia di vita. E sono qua ora sul nostro territorio. Di loro dobbiamo occuparci di più e preoccuparci di meno E’ a partire da questa visione che abbiamo impostato tutto il lavoro contenuto dentro il documento che presentiamo oggi. Un documento che affronta la questione dell’accoglienza partendo dal presupposto che dobbiamo occuparci di chi è qui ora e di chi sarà qui a breve. Un documento che fa proposte sul come accogliamo, non sul se lo facciamo”.
“Il fenomeno migratorio – ha affermato – non ha carattere emergenziale, ma strutturale. E’ da questo assunto che dobbiamo partire per impegnarci a costruire politiche pubbliche orientate ad un obiettivo condiviso e primario: quello della coesione sociale. In Toscana ospitiamo poco meno di 14mila migranti: lo 0,37 della popolazione. Può un numero come questo destare preoccupazione per la perdita della nostra identità o dei nostri valori? E ricordiamoli – ha insistito Bugli – quali sono i valori identitari europei: dignità, libertà, uguaglianza, solidarietà. C’è paura che chi sta arrivando sulle nostre coste ci tolga parte del nostro benessere, minacci i nostri “diritti acquisiti” al lavoro, al benessere, alla cura. Ma dovremmo ricordare che i diritti che crediamo di vedere minacciati sono il frutto delle lotte e dell’iniziativa proprio di chi non aveva, di chi era più vulnerabile e sofferente”.
“E allora forse è proprio questa grandissima crisi umanitaria – ha detto l’assessore – l’occasione per rigenerare un modello di welfare, ma anche un modello di società. Dobbiamo cogliere questa crisi come opportunità per riconoscere nell’altro la persona, per riscoprirci comunità, per ritrovare la fiducia”.
“Il fenomeno migratorio – ha affermato – non ha carattere emergenziale, ma strutturale. E’ da questo assunto che dobbiamo partire per impegnarci a costruire politiche pubbliche orientate ad un obiettivo condiviso e primario: quello della coesione sociale. In Toscana ospitiamo poco meno di 14mila migranti: lo 0,37 per cento della popolazione. Può un numero come questo destare preoccupazione per la perdita della nostra identità o dei nostri valori? E ricordiamoli – ha insistito Bugli – quali sono i valori identitari europei: dignità, libertà, uguaglianza, solidarietà. C’è paura che chi sta arrivando sulle nostre coste ci tolga parte del nostro benessere, minacci i nostri diritti acquisiti al lavoro, al benessere, alla cura. Ma dovremmo ricordare che i diritti che crediamo di vedere minacciati sono il frutto delle lotte e dell’iniziativa proprio di chi non aveva, di chi era più vulnerabile e sofferente”. “E allora forse è proprio questa grandissima crisi umanitaria – ha detto l’assessore – l’occasione per rigenerare un modello di welfare, ma anche un modello di società. Dobbiamo cogliere questa crisi come opportunità per riconoscere nell’altro la persona, per riscoprirci comunità, per ritrovare la fiducia”.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.