Quantcast

Un nuovo ecografo per la chirurgia del San Giuseppe

La chirurgia dell’ospedale San Giuseppe, diretta da Antonio Caponi, avrà a disposizione un ecografo Hawk per l’attività colonproctologica. Grazie alla donazione di 25mila euro da parte della fondazione ‘Fabio, Marco e Rossella’. Lo strumento, di ultima generazione, dotato di sonda endorettale volumetrica a 360 gradi, permette di effettuare indagini diagnostiche nelle patologie che interessano l’ultimo tratto dell’apparato digerente. In particolare patologie proctologiche benigne come fistole, ascessi perianali e, nell’ambito delle patologie funzionali, quelle del pavimento pelvico.

La donazione di 25mila euro destinati all’acquisto dell’ecografo è stata ufficializzata questa mattina alla presenza di Luca Nardi, direttore dell’ospedale di Empoli, Antonio Caponi, direttore di chirurgia, Tommaso Cioppa, dirigente medico del servizio di colon proctologia di Empoli, Luca Cecconi avvocato della fondazione, Edda Bruchi, vedova del presidente della fondazione e Luigi Bucalossi, liquidatore. Erano presenti, fra gli altri, anche i familiari di Fabio, Marco e Rossella.
“Lo strumento – ha sottolineato il dottor Tommaso Cioppa – permetterà inoltre una stadiazione (rappresentazione dell’estensione anatomica del tumore) maggiormente accurata delle neoplasie del retto in modo tale da orientare la scelta terapeutica verso un trattamento neoadiuvante e chirurgico. Grazie all’intervento della fondazione, i pazienti eviteranno di doversi recare in altre strutture sanitarie per poter eseguire una ecografia endoanale necessaria per avviare il paziente al percorso chirurgico e riabilitativo”.
“La chirurgia dell’ospedale empolese – ha dichiarato Antonio Caponi – si arricchisce di un ulteriore strumento con la donazione da parte della fondazione ‘Fabio, Marco e Rossella’ che ringrazio in modo particolare. La qualità del servizio di colonproctologia sarà sicuramente ancora più elevata. La chirurgia del San Giuseppe è una delle strutture, nell’ambito dell’Ausl Toscana centro che tratta, per queste patologie, un elevato numero di pazienti”.
“Un sentito ringraziamento – ha commentato Luca Nardi – alla fondazione ‘Fabio, Marco e Rossella’ per la donazione di questo ecografo di ultima generazione, che va a potenziare un settore strategico, quale quello chirurgico, da sempre in continua evoluzione ed innovazione. La strumentazione donata va ad ampliare la gamma di prestazioni che il presidio ospedaliero San Giuseppe di Empoli offre a tutta la popolazione, residente e non”.
“Prendiamo atto – hanno dichiarato Luigi Bucalossi, liquidatore della Fondazione, e Edda Bruchi, vedova del presidente Iasco Ammannati, recentemente scomparso – con viva soddisfazione che la somma donata dalla nostra fondazione verrà destinata all’acquisto di uno strumento così utile e prezioso per la nostra comunità ed esprimiamo con questo gesto liberale la nostra piena e incondizionata fiducia nell’eccellenza della sanità pubblica locale”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.