Quantcast

Giorno della memoria, il governatore Rossi invita i giovani a mobilitarsi

Un invito agli ottomila giovani presenti al Mandela Forum a mobilitarsi, a lottare e a scendere in piazza, ogni volta che sentano odore di razzismo, per difendere un futuro di democrazia, pace e libertà. È questo l’appello con cui il presidente della Regione Toscana ha concluso il suo intervento nel corso dell’iniziativa organizzata dalla Regione in occasione del Giorno della memoria degli orrori dell’olocausto e a 80 anni dalla promulgazione delle leggi razziali da parte del Fascismo, avvenuta proprio in Toscana, a San Rossore.

Il presidente ha detto che la Regione continuerà ad impegnarsi per far crescere la Toscana democratica e antifascista anche perché, se non riusciremo a radicare questi valori, la bestia immonda del razzismo può riprendere vigore. La bestia immonda, come ha spiegato, é l’idea che esistano una razza superiore e razze inferiori, quell’idea pericolosissima che ha dato origine prima al colonialismo, poi all’olocausto. Il presidente ha ricordato i 1800 cittadini, metà politici e metà ebrei, che dal binario 16 della stazione di S. Maria Novella furono inviati nei campi di concentramento, dai quali in pochi riuscirono a tornare, e il duplice barbaro omicidio dei senegalesi Samb e Diop, commesso nel 2011 in piazza Dalmazia a Firenze da un estremista neonazista: i frutti malati dell’ideologia razzista. Ha poi sottolineato come secondo il rapporto dell’organizzazione non governativa Oxfam, l’1% dell’umanità possiede le stesse ricchezze del restante 99%. È di fronte ad ingiustizie come questa che non è possibile restare indifferenti e si ha perfino il dovere di reagire. Ma a suo giudizio i giovani ne sono capaci e lo fanno. Per questo li ha lodati e ha dato loro appuntamento, il prossimo anno, sul treno della memoria che arriverà ad Auschwitz, assicurando che anche lui ci salirà per accompagnare gli studenti in un viaggio che per loro sarà davvero importante.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.