Quantcast

Spaccio nel centro profughi, terzo arresto in un mese

Più informazioni su

Uno dei ragazzi partiva dal centro, arrivava ad Empoli dove si incontrava probabilmente con il rifornitore e faceva rientro con lo stupefacente che l’indomani sarebbe poi stato spacciato, con le medesime modalità dei giorni scorsi, ai numerosi clienti che continuavano ad arrivare al centro di accoglienza profughi a tutte le ore. E’ la ricostruzione dei carabinieri di Empoli che hanno arrestato un ragazzo di 21 anni ospite del centro profughi di Empoli per spaccio di stupefacenti. E’ il terzo ospite di quel centro arrestato negli ultimi 30 giorni, il quinto ad Empoli per spaccio di eroina.

L’operazione rientra nell’attività di contrasto allo spaccio di eroina nei parchi e nelle periferie empolesi, iniziato nell’estate scorsa e che, ultimamente, pare essersi spostato nella frazione Martignana. Dopo i colpi assestati nei giorni scorsi i carabinieri hanno individuato uno dei canali di rifornimento dello stupefacente. I sospetti erano emersi proprio il giorno dell’ultimo arresto: in quell’occasione fu rinvenuta la sostanza stupefacente ma l’arrestato non aveva con sé il denaro ricavato dalla cessione. Quindi doveva per forza esserci un complice che metteva insieme il denaro per comprare nuova droga e continuare l’attività. Quindi altri giorni di appostamenti e si è potuto capire che il rifornimento dello stupefacente arrivava la sera.
Ieri sera 26 marzo, dopo ore di pedinamenti in via dei Cappuccini, alle 22,30 circa, è stato individuato il soggetto sospettato di trasportare la droga che, in sella a una bici si stava dirigendo verso la via Val d’Orme. Dopo un rapido inseguimento, i militari della stazione di Empoli hanno quindi bloccato e perquisito il soggetto. In una tasca del giubbotto, occultate dentro un calzino, c’erano 9 dosi di varie dimensioni per un totale di quasi 20 grammi. Le stesse sicuramente sarebbero poi state ulteriormente frazionate per ottenere nuove dosi pronte per essere spacciate al dettaglio, una cinquantina circa. Lo stupefacente è stato quindi sequestrato e il nigeriano arrestato. 

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.