Quantcast

Inseguimento da film per le strade di Pisa: uomo fugge a piedi, in auto due bambini

Più informazioni su

Gli uomini della Squadra Volante, di pattuglia nella zona del Duomo, hanno notato una Volvo scura station wagon aggirarsi intorno alle auto parcheggiate nella zona dello stadio. Insospettiti dall’atteggiamento del conducente, hanno subito attivato i lampeggianti per intimare lo stop ma il guidatore, alla vista dell’alt, con una sgommata repentina ha tentato subito di seminare i poliziotti. A quel punto è scattato un inseguimento tra le strade del quartiere di Porta a Lucca, che si è trovata a vivere scene da film. Era più o meno mezzogiorno di oggi 26 agosto quando l’inseguimento è iniziato. Ed è durato circa 5 interminabili chilometri tra le strade del centro e della periferia nord della città.

Imboccata via Ugo Rindi, superato il passaggio al livello, le auto hanno imboccato la via San jacopo sino alla rotatoria di Arena metato, dove il malvivente ha proseguito la sua corsa in direzione del fiume Serchio, sino a via del Ramo di Sant’Andrea dove ha imboccato la strada sterrata lungo l’argine del fiume Serchio. Dopo circa 500 metri, percorsi tra la polvere dei campi e della strada sterrata, i poliziotti la macchina, ormai in un vicolo cieco, ha inchiodato la marcia. I poliziotti hanno sterzato, quasi ribaltando la propria vettura. Il conducente è riuscito ad aprire lo sportello e a dileguarsi in mezzo ai campi. A quel punto gli agenti si sono precipitati in direzione del veicolo per fermare la complice, seduta sul posto del passeggero. All’atto di avvicinarsi al veicolo, la sorpresa sconvolgente: all’interno del veicolo, nascosti sotto ai sedili, gli agenti hanno trovato due bambini di 7 e 9 anni, poi identificati quali figli della donna seduta sul posto davanti. Fatti scendere gli occupanti del veicolo è iniziata la perquisizione dell’auto in mezzo ai campi. All’interno della bauliera dell’autovettura, gli uomini della Squadra Volante hanno trovato ben sei valigie, appena trafugate ad alcuni turisti russi che avevano parcheggiato la propria auto in zona porta a Lucca per una rapida visita alla Torre.
La donna, con regolare permesso di soggiorno ormai stanziale a Pisa da diversi anni in un campo nomadi della città, è stata fermata e portata negli uffici della Questura per essere sottoposta a rilievi fotodattiloscopici. Per lei è scattata la denuncia per il reato di ricettazione in concorso con persona da identificare. La macchina è stata sequestrata. Restituite le borse. 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.