Consiglio città metropolitana, Barnini la più votata

Non sono entrati il Movimento Cinque Stelle e Liste Civiche. Il consiglio della Città Metropolitana di Firenze è quindi composto da 12 consiglieri per il Pd, 4 Centrodestra per il cambiamento, 2 Territori Beni Comuni.
Completati gli scrutini dei voti espressi e le operazioni connesse per il rinnovo del Consiglio della Città Metropolitana di Firenze, si può presentare la composizione della nuova Assemblea di Palazzo Medici Riccardi, presieduta dal sindaco Dario Nardella.

 

Al Pd assegnati dodici seggi: entrano perciò, in ordine di preferenze espresse (in caso di parità, passa avanti il genere meno rappresentato), Brenda Barnini, Francesco Casini, Giacomo Cucini, Letizia Perini, Benedetta Albanese, Nicola Armentano, Tommaso Triberti, Monica Marini, Lorenzo Zambini, Patrizia Bonanni, Massimo Fratini e Sandro Fallani. Quattro seggi al ‘Centrodestra per il cambiamento’: Alessandro Scipioni, Filippo La Grassa, Paolo Gandola e Claudio Gemelli. Due i seggi a ‘Territori Beni Comuni’: entrano Lorenzo Falchi e viene riconfermato Enrico Carpini.
“Ringrazio – ha detto Barnini – tutti i sindaci e i consiglieri comunali del nostro territorio che con il loro voto hanno permesso per la seconda volta di raggiungere l’obiettivo di essere il sindaco più votato per il consiglio metropolitano. Questo risultato ovviamente mi carica di una grande responsabilità nei confronti di tutte le nostre comunità. Insieme a Cucini ci impegneremo al massimo nei prossimi anni per portare avanti i bisogni e le priorità dell’Empolese Valdelsa nell’ambito del territorio metropolitano”.
I componenti del Consiglio metropolitano, 18 in tutto, sono stati eletti con voto diretto, libero e segreto dai sindaci e dai consiglieri comunali di tutti i 42 comuni della città metropolitana di Firenze.

 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.