Carenza di mezzi, vigili del fuoco costretti ad attingere dai volontari

"Una scelta dettata dall'emegenza"

È polemica in provincia di Pisa per la gestione dei mezzi di soccorso dei Vigili del fuoco. Molti dei mezzi in dotazione al Comando provinciale infatti necessiterebbero di riparazioni urgenti, motivo per cui molti sono stati fermati costringendo i vigili ad attingere dai mezzi a disposizione dei distaccamenti volontari di Ponsacco, Lari e Vecchiano per garantire i servizi essenziali. Un scelta dettata dall’emergenza che però non è andata giù a volontari e residenti.

“Il Comando di Pisa – si legge in una nota – garantisce il soccorso alla popolazione attraverso la sede centrale, i distaccamenti permanenti di Cascina, Castelfranco, Saline di Volterra e Aeroporto, con il supporto dei distaccamenti volontari di Pontedera, San Miniato, Ponsacco, Lari e Vecchiano. L’operatività dei distaccamenti volontari è determinata da 2 fattori principali, la disponibilità del personale e la presenza di mezzi e attrezzature. I recenti collaudi e revisioni a cui periodicamente vengono sottoposti i mezzi di soccorso hanno visto mettere a riposo forzato 3 auto pompe serbatoio, il mezzo di soccorso principale”.

“Gli elevati costi per le riparazioni, complessivamente oltre 150mila euro – prosegue la nota – sono decisamente sbilanciati rispetto alla vita residua di questi mezzi (alcuni di questi hanno 24 anni di vita); riparazioni che comunque non garantirebbero quella sicurezza necessaria per effettuare nel tempo un servizio di soccorso tecnico urgente”.

“Vi è quindi l’urgente necessità di ammodernamento del parco mezzi – si legge ancora – che spesso sono datati e usurati e in alcuni casi si rende necessario prelevare mezzi in dotazione ai distaccamenti volontari a favore dell’attività operativa di quelli permanenti che devono garantire in primis il servizio tecnico urgente H24. Questo è quanto successo al momento ai distaccamenti di Ponsacco, Lari e Vecchiano. Occorre far presente che il Comando di Pisa ha il maggior numero di distaccamenti volontari della Regione e quindi ha maggior necessità di mezzi e attrezzature rispetto ad altre realtà”.

“Il Comando – conclude la nota – ha fatto presente da tempo lo stato del parco veicoli in tutte le sedi istituzionali competenti chiedendo un potenziamento delle dotazioni e ha portato a conoscienza i capi distaccamento circa la situazione del parco automezzi. Si tratta di una situazione temporanea che si spera si sblocchi con il nuovo anno. È superfluo sottolineare il fatto che il Comando ha tutto l’interesse ad avere attivi i distaccamenti volontari presenti nella provincia al fine di ridurre i tempi di intervento e garantire il miglior servizio di soccorso possibile alla popolazione”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.