La spesa si deve fare “il più vicino possibile”, anche fuori comune

Al momento di autocertificare lo spostamento, basterà sottolineare che quello è il negozio più vicino a casa o al lavoro

Il caso più complicato è forse quello di Galleno, frazione unitissima ma divisa in tre territori comunali diversi. Oppure Villa Campanile, che arriva prima ad Altopascio che a Castelfranco di Sotto. Ma di frazioni divise a metà, il comprensorio del Cuoio ne ha davvero tante. Tutte fornite dei servizi di base, ma che a volte non bastano a trovare qualche cosa in particolare alla quale ci ha abituato la grande distribuzione.

L’ultimo Decreto Conte non consente spostamenti al di fuori del comune in cui si vive. Eccenzion fatta per la spesa alimentare, però. Che si deve fare “nel posto più vicino possibile a casa o, per chi non lavora a casa, al luogo di lavoro”, così da limitare al massimo gli spostamenti, dentro e fuori da comune.

Al momento di autocertificare lo spostamento, basterà sottolineare che quello è il negozio più vicino a casa o al lavoro. In ogni attività valgono poi le regole di mantenere le distanze di sicurezza, anche dalle commesse, non appoggiarsi ai banconi, non tastare frutta e verdura che poi non si acquista e attendere fuori il proprio turno.

Per quanto riguarda i dispositivi di protezione individuale, al momento non c’è l’obbligo di girare con la mascherina, fermo restando che non può uscire chi ha tosse o raffreddore anche lievi e legati all’influenza stagionale. I supermercati però, poiché posti chiusi e molto frequentati, potrebbero chiedere ai clienti di indossare guanti e mascherina, quindi è bene andare preparati. Sembra superfluo dirlo, ma i guanti, anche quelli usa e getta, si devono buttare nei cestini dei parcheggi o riportarli a casa ma mai abbandonarli vicino ai carrelli: se una cosa il coronavirus può insegnarcela, è proprio che esistono norme igieniche e di rispetto dell’altro che sono molto importanti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.