Bonifica, in cassa integrazione gli operai del Consorzio Toscana Nord

Trovato l'accordo con i sindacati, senza fermare le attività consortili

“L’accordo riguarda gli operai. Quel personale non impiegatizio cioè, per il quale non è stato possibile opzionare il lavoro agile da casa. Il telelavoro, invece, siamo riusciti a organizzare a tempi da record per tutto il resto della struttura”. Così il presidente del Consorzio 1 Toscana Nord Ismaele Ridolfi spiega l’accordo tra l’amministrazione consortile e i rappresentanti dei sindacati, per garantire la cassa integrazione degli operai fino al prossimo 4 aprile.

Con la possibilità del direttore di prorogare i termini, dopo un’apposita informativa alle Rsu aziendali. Ma anche la rassicurazione che l’attività consortile per la prevenzione dal rischio idraulico e per l’irrigazione non si fermeranno: dopo tale periodo, infatti, gli operai rientreranno a lavoro in numero tale (con tutte le precauzioni operative, tali da assicurare la sicurezza dal rischio contagio) da garantire l’avvio della stagione irrigua e delle opere di manutenzione dei corsi d’acqua, previste nel piano annuale dei lavori del Consorzio.

E’ questo il contenuto della convenzione, stipulata tra l’Amministrazione e la Direzione consortile e i rappresentanti di Cgil, Cisl e Uil.

“Per le maestranze – continua Ridolfi -, abbiamo così sfruttato quanto previsto dal Decreto Legge 18 del 17 marzo 2020, con le sue ‘misure a sostegno del lavoro’. A garanzia dei lavoratori, abbiamo anche stabilito che l’importo spettante al personale che usufruisce dell’ammortizzatore sociale viene anticipato dal Consorzio, se non erogato tempestivamente dall’ente previdenziale. Gli operai devono comunque restare a disposizione per emergenze, come ad esempio eventuali allerte meteo. L’impegno del Consorzio non si ferma. Continuiamo a lavorare, in sicurezza per la sicurezza dei cittadini”.

Resta quindi confermata la piena operatività dell’Ente: che in questi giorni prosegue le proprie attività tecniche ed amministrative. Per questioni legate al contributo di bonifica, i cittadini possono rivolgersi al numero verde gratuito 800/052852 o all’indirizzo email catasto@cbtoscananord.it; per ogni altra problematica, il numero da chiamare è lo 0583/98241 e l’indirizzo email è info@cbtoscananord.it; l’indirizzo pec, invece, è protocollo@pec.cbtoscananord.it. In caso di emergenza idraulica, restano attivi 24 ore su 24 i normali numeri di reperibilità.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.