“Nessuna data e incertezze inaccettabili sulla riapertura”: la protesta di Benessere, ristoranti e artigiani

Pericolo abusivi. "Adottando le giuste ed opportune protezioni e cautele e dobbiamo poter aprire"

“Incertezze inaccettabili rispetto alle misure che renderanno possibili le riaperture”. Il ristoratore di San Miniato Daniele Fagiolini, all’indomani dell’annuncio del Decreto del presidente del consiglio dei ministri che allenta le maglie del lockdown, si fa ancora portavoce del malcontento e delle preoccupazioni nel settore Horeca (hotel ristoranti e bar) di Cna Pisa.

“Dobbiamo poter aprire, siamo in sicurezza” è il grido partito dal settore benessere, acconciatura e estetica al quale si sono accodati anche ristorazione e attività ricettive e una parte dell’artigianato artistico e restauro. Una rete di piccolissime imprese, ma con tanti occupati.

“È assurdo – per Carlo Musto presidente Acconciatori e Antonella Orsini presidente Estetica – che dopo quasi due mesi di chiusura ancora non sappiamo se e quando poter riaprire, se non una data ipotetica peraltro non riportata nel Dpcm, dei primi di giugno. Se stanno aperti settori ad alto rischio anche noi adottando le giuste ed opportune protezioni e cautele vogliamo e dobbiamo poter aprire, anche perché se nella fase di massima chiusura almeno il dilagante fenomeno degli abusivi aveva difficoltà di movimento (ma hanno proseguito i loro traffici) ora con un numero oggettivamente maggiore di persone in giro sarà più difficile individuarli e quindi è scontato prevedere un ulteriore aumento del fenomeno abusivismo, che sottrae risorse alla economia sana e regolare, quella cioè che sostiene lo stato sociale”.

“Oltre a non conoscere la data della nostra ripartenza – spiega Fagiolini – sarebbe almeno utile avere una data di riferimento e che ci siano misure omogenee su tutto il territorio nazionale, o almeno delle norme specifiche per le località turistiche che sono quelle che risentiranno di più di questa situazione. Nel nostro settore è facile prevedere che ci sarà una fortissima emorragia di posti di lavoro. Dobbiamo poter prevedere quanto più possibile proprio in questi giorni ed avere linee guida puntuali per poter ripartire e darci una idea quanto più precisa possibile delle norme in modo da poter pianificare sia le modalità di lavoro in sale con i clienti che in cucina. Chiediamo ai comuni che sblocchino anche il takeaway per le bevande, rimasto escluso in modo incomprensibile”.

“Nel nostro tessuto economico e sociale – spiega Barbara Pisani restauratrice del Consorzio Pisarum -, l’artigianato artistico è fatto da laboratori artigiani che nel loro piccolo non smettono mai di rinnovarsi, di trovare soluzioni originali ora alcuni codici dal 4 maggio potranno ripartire e questo è positivo, ma è rimasto fuori un settore importante, in modo incomprensibile come quello del restauro di beni culturali una realtà lavorativa fatta da ditte individuali per la maggior parte, che hanno necessità di recarsi nei loro laboratori o sui cantieri, per portare avanti una attività che non è certo al pubblico. E quindi perché negare loro la possibilità di procedere con i loro lavori di restauro su beni culturali? Anche se come codice sono nel settore artistico non sono certo paragonabili ad attività teatrali o al pubblico”.

“Purtroppo sappiamo già che tutto questo non basterà, – nota Sandra Ugolini portavoce del settore Cna Artistico e Tradizionale – molti di noi avranno bisogno di sviluppare il loro mercato non solo sulla vendita fisica dei prodotti, ma dovrà essere l’occasione per lanciare l’e commerce e trovare una loro collocazione anche nell’on line. E puntare ancora di più sulla figura del Maestro Artigiano, perché il valore del prodotto cresce e diventa qualcosa di esclusivo e ricercato”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.