Quantcast

Pontedera si prepara al post emergenza: il pacchetto di aiuti per tutti i settori

Baby sitter, edilizia, commercianti e stalli blu al 50 per cento

Accompagnare e sostenere la ripartenza del tessuto economico e sociale della città dopo l’emergenza Covid-19. Questo è lo scopo che si è posta la giunta comunale di Pontedera che stamattina, sabato due maggio ha approvato una delibera di indirizzo per predisporre un pacchetto di azioni e misure chiamato Open Pontedera. Un insieme di misure intersezionali che spaziano dall’emergenza alimentare, al lavoro, dall’edilizia agli ambulanti e altro ancora.

Primo proposito di Open Pontedera è programmare una terza fase per la raccolta di ulteriori domande delle famiglie in difficoltà per l’erogazione di buoni spesa alimentari e di accesso all’Emporio Civico. Inoltre, è prevista la creazione di un albo baby sitter per agevolare la fruizione da parte delle famiglie della misura Bonus baby-sitter messa in campo dal Governo.

Per gli esercenti, invece, per tutto il periodo compreso tra marzo e dicembre del corrente anno è prevista la cancellazione del canone per l’occupazione di spazi e aree pubbliche, e la possibilità in tutto il territorio comunale di utilizzare lo spazio pubblico per gazebo o ombrelloni e tavolini rispettando alcune condizioni: il codice della strada e del transito di mezzi di soccorso, le esigenze degli edifici confinanti o di fronte e le linee guida che saranno fornite per un’equa ripartizione del suolo pubblico. È possibile un ampliamento dello spazio pubblico fino a un massimo del 50 per cento in base alle necessità di distanziamento sociale. Altro tema importante è la riduzione dei tempi per il rilascio delle autorizzazioni e semplificazione telematica delle procedure: l’obiettivo è di cinque giorni per le nuove richieste di occupazione di suolo pubblico e tre giorni per le richieste di ampliamento di suolo pubblico. È prevista, poi, una riduzione Imu per i proprietari che applicheranno una riduzione “registrata” dell’importo della locazione degli immobili sede di laboratori artigiani, attività commerciali e pubblici esercizi e una rimodulazione del canone di locazione per immobili di proprietà e gestione diretta comunale affittati. L’imposta di pubblicità sarà ridotta del 50 per cento. Saranno favorite le estensioni di orario di apertura degli esercizi commerciali e ci saranno incentivi per l’attività di sanificazione per piccoli esercenti per immobili con superficie di vendita non superiore a 300 metri quadrati. Sarà estesa all’intero periodo di chiusura il pagamento della Tari per quelle attività commerciali a cui è stato precluso l’esercizio sulla base dei codici ATECO non autorizzati dal decreto Cura Italia (alberghi, ristoranti, comprese palestre e sale spettacolo, studenti universitari fuori sede).

 

Sul versante casa, l’obiettivo è concludere velocemente l’istruttoria e l’erogazione dei contributi delle domande pervenute per il bando straordinario per il sostegno al pagamento del canone di locazione. Serve poi avviare le procedure per la pubblicazione del bando per il contributo ordinario degli affitti e pubblicare entro la prima settimana di giugno il bando per l’edilizia residenziale pubblica.

Anche per gli ambulanti ci sarà l’esenzione Tari per il periodo di inutilizzo degli spazi e una riduzione del 25 per cento del canone per l’occupazione di spazi e aree pubbliche utilizzate nel periodo marzo-dicembre.

L’edilizia potrà beneficiare dell’azzeramento del costo del suolo pubblico per riqualificazione delle facciate connettendo la misura con il Bonus Facciate previsto dalla Legge di Bilancio per l’anno 2020. È in fase di predisposizione un meccanismo di dilazione e rateizzazione e riduzione percentuale oneri di urbanizzazione e costo di costruzione.

Per quanto riguarda le misure di carattere generale ci sarà una riduzione del 50 per cento delle tariffe degli stalli di sosta blu su tutto il territorio comunale così come saranno dimezzati i costi degli abbonamenti dei titolari di partita Iva. Sarà in ogni caso incentivata la mobilità muscolare ed elettrica attraverso l’acquisto e l’utilizzo di biciclette. Sullo sport, è prevista l’individuazione di aree pubbliche all’aperto da assegnare alle società sportive della città. In ogni caso, saranno predisposti dei protocolli per l’animazione dei parchi pubblici aperti per garantire il rispetto della fruizione e anche delle aree all’aperto destinate alla sgambatura e all’attività cinofila.
Anche per le strutture ricettive di Pontedera è prevista la sospensione del pagamento della tassa sui rifiuti per il periodo di chiusura e la sospensione della tassa di soggiorno dall’approvazione della misura fino a dicembre 2020.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.