San Miniato, un ristorante grande quanto il centro ed “esentasse”: la proposta di Confcommercio

"Consapevoli che i turisti stranieri non li vedremo per un bel po'. Sappiamo già che la media superficie dei locali è molto piccola"

“Chiudere con la Ztl il centro storico di San Miniato a partire da una certa ora del tardo pomeriggio, per almeno cinque giorni su sette, autorizzando suolo pubblico e tavolini senza oneri per bar, ristoranti e pubblici esercizi in genere. Una San Miniato tutta da scoprire e vivere all’aria aperta, con l’organizzazione di eventi a tema, nel rispetto delle misure di sicurezza, caratterizzandoci come meta estiva attraente e di interesse per un turismo locale”. E’ la proposta estiva per San Miniato dell’imprenditore Samuele Senesi e del direttivo di Confcommercio.

Un modo per superare la crisi della quale in questi giorni vi abbiamo raccontato (qui), cercando di recuperare incassi. “Dobbiamo ripartire – sostiene Senesi -, consapevoli del fatto che i turisti stranieri non li vedremo per un bel po’ di tempo e che in attesa di conoscere condizioni e prescrizioni igienico sanitarie, sappiamo già che la media superficie dei locali è molto piccola. Lanciare allora la caratterizzazione di una San Miniato all’aperto, centro attrattivo del comprensorio del cuoio, potrebbe essere una prima risposta al nuovo scenario che incombe”.

I commercianti di San Miniato sono “Disponibili a incontraci sin da subito, consapevoli del fatto che con contributo e la collaborazione di tutti ce la possiamo fare”.

Un appello al sindaco Simone Giglioli lo rivolge il direttore di Confcommercio Provincia di Pisa Federico Pieragnoli: “Sindaco, prorogare non basta. Le tasse per il 2020 vanno cancellate e non semplicemente rinviate di qualche mese. Sospeso, al momento non fatturato, rinviato, la risposta ufficiale del sindaco alla nostra richiesta è totalmente inadeguata rispetto alle necessità reali delle imprese chiuse da due mesi e di fronte ad una situazione finanziaria senza precedenti. Ci sono comuni della nostra provincia che hanno già deliberato importanti abbattimenti della tassazione locale, in particolare per tassa sui rifiuti e suolo pubblico, oppure individuato agevolazioni per fondi commerciali e altri tipi di sostegno.

Per fare solo un esempio, è inaccettabile non cancellare la Tari quando sappiamo che le imprese chiuse non possono aver prodotto alcun tipo di rifiuto e quelle rimaste aperte ne hanno prodotto una quantità irrisoria. Vogliamo essere ancora più chiari: i soldi non ci sono, le imprese devono lottare disperatamente per non morire, spazi per pagare le tasse non ce ne sono. Spero che il sindaco comprenda che per salvare il tessuto imprenditoriale e consentire una ripresa delle attività, l’amministrazione comunale non può misurare le scelte fondamentali con un bilancino da laboratorio, ma assumendo scelte e sostegni economici straordinari alle imprese, senza vincolarli a eventuali misure governative”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.