Pisa Travel Bond, Bocelli e più soldi per la filiera del turismo: la ricetta di Federalberghi per salvare estate e lavoro

"Non ci scordiamo che la ripresa post covid 19 per le aziende del comparto ricettivo sarà molto più lunga"

Più risorse per la filiera del turismo. Ma anche Pisa Travel Bond e un grande evento che unisca due delle tipicità pisane più conosciute al mondo: Piazza dei miracoli e Andrea Bocelli. Sono le proposte che Federalberghi Pisa ha elaborato e ha intenzione di condividere con l’amministrazione comunale e le associazioni di categoria.

“Le imprese turistiche – ricordano – si trovano ad affrontare un’emergenza di liquidità senza precedenti e, in assenza di aiuti concreti, si rischia che molte di queste aziende vadano a scomparire. Per questo Federalberghi Pisa ribadisce la propria posizione in merito all’utilizzo delle risorse economiche, messe a disposizione delle associazioni per l’anno in corso, che ammontano a 120mila euro e che potrebbero essere utilizzate in modi diversi”.

A partire dai Pisa Travel Bond “in cui l’amministrazione potrebbe investire di concerto con le associazioni di categoria. L’idea è quella di riuscire a stanziare almeno il doppio delle risorse provenienti dall’imposta di soggiorno, in modo da realizzare dei ‘voucher’ spendibili subito in tutte le strutture ricettive, attività commerciali, stabilimenti balneari, sistema museale e pubblici esercizi del comune di Pisa. Attraverso Pisa Travel Bond, il Comune si farebbe carico della stampa dei voucher e di parte della campagna promozionale, mentre le strutture ricettive potranno proporre un pacchetto unico, attraverso i propri canali di vendita, promosso da tutti con la stessa immagine.

Per ogni 100 euro di spesa nelle strutture ricettive del comune di Pisa, il cliente riceverà immediatamente un voucher del valore di 50 euro, che dovrà riportare il suo nome per evitarne un uso improprio. Il voucher potrà essere utilizzato prolungando il soggiorno nella struttura ricettiva prenotata oppure speso nelle attività commerciali del Comune di Pisa. Ogni fine mese le attività commerciali inviano i voucher al Comune che, nel minor tempo possibile, provvederà a saldare tramite bonifico bancario. Qualora i fondi non venissero utilizzati, o venissero parzialmente utilizzati, potrebbero andare ad alimentare la campagna dell’anno successivo”.

La seconda proposta riguarda il contributo alle imprese della filiera turistica, ovvero “la cifra destinata al progetto 2020 di 120mila euro che potrebbe andare a incrementare il fondo di 500mila euro messo a disposizione dall’amministrazione comunale e abbattere ulteriormente le imposte locali per le aziende turistico ricettive. In alternativa, la stessa cifra, potrebbe essere utilizzata per l’acquisto di dispositivi di sicurezza, come guanti, mascherine, gel igienizzante tramite bandi riservati ad aziende della provincia, eventualmente personalizzati con il logo del comune di Pisa”.

Il terzo infine è un progetto unitario di promozione internazionale della città di Pisa che potrebbe coinvolgere l’artista pisano Andrea Bocelli: Bocelli sotto la Torre. Quando la bellezza si fa… sentire è l’idea. “Un concerto del maestro sotto la Torre, in modo da far ammirare una piazza dei Miracoli vuota, a causa delle restrizioni, ma nel pieno del suo fascino da far girare sui media nazionali e internazionali.

Non ci scordiamo che la ripresa post covid 19, soprattutto per le aziende del comparto ricettivo, sarà molto più lunga, rispetto a quella della maggior parte delle altre attività commerciali e quindi è importante saper investire bene attraverso dei progetti mirati”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.