Quantcast

Sittel, i lavoratori in Regione. Simoncini non esclude un incontro con Tim

Intanto convocherà l'azienda per chiedere garanzie sui pagamenti e il rispetto dei diritti dei lavoratori

Il consigliere regionale per il lavoro Gianfranco Simoncini si è riservato di attivare anche un confronto con Tim per sollecitarne l’intervento nei confronti della ditta appaltatrice Sittel, richiamandola alle sue responsabilità verso i lavoratori.

I lavoratori del gruppo infatti, alcuni nella sede di San Miniato, si erano rivolti alla Regione Toscana per i ritardi nel pagamento di stipendi e fondi complementari. Così i rappresentanti di Fiom Cgil della provincia di Firenze e della Rsu dell’azienda hanno incontrato il consigliere ed esposto le loro preoccupazioni.

La Sittel è un’azienda del settore telecomunicazioni che lavora principalmente per il gruppo Tim, per cui esegue lavori di riparazione. In Toscana impiega almeno 200 addetti, su un totale di circa 500 a livello nazionale, circa 80 nel cantiere di Campi Bisenzio e gli altri a Grosseto e San Miniato.

I rappresentanti dei lavoratori hanno rilevato che, “a fronte di consistenti commesse ricevute da Tim, gli stipendi e i versamenti del fondo complementare registrano un ritardo di due mesi. Per fare chiarezza su questi ritardi che, a detta dei sindacati, risultano incomprensibili anche alla luce del ruolo nelle commesse nazionali di Tim, la Regione convocherà un incontro con sindacati e azienda per chiedere garanzie sui pagamenti e il rispetto dei diritti dei lavoratori“.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.