La pelletteria toscana a Seoul con Assopellettieri foto

Quattro brand regionali al Silent Mipel Showroom

Anche quattro aziende toscane partecipano alla nuova fiera, a metà fra evento fisico e digitale, messo a punto da Assopellettieri. Dopo l’obbligata pausa di marzo causata dall’emergenza Covid-19 torna a Seoul, con una veste tutta nuova, uno degli appuntamenti più attesi per il mondo della pelletteria italiana. Mipel Leathergoods Showroom in Seoul evolve e diventa Silent Mipel Showroom in Seoul: una versione rivista, causa pandemia, del rodato format creato da Assopellettieri con il supporto del Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale (Maeci) e di Agenzia Ice.

L’evento, in corso fino al 26 ottobre negli spazi di High Street a Seoul, vede la partecipazione di 21 aziende italiane, di cui quattro toscane: Boldrini Selleria, Claudia Firenze, Fontanelli e Sapaf Atelier 1954 espongono a Seoul le loro collezioni SS2021. Gli imprenditori, seppure non presenti fisicamente, hanno invece la possibilità di “incontrare” buyer e stampa coreana attraverso le sessioni virtuali “Meet the Brands”: spazi di 20 minuti in cui possono raccontarsi e raccontare i propri prodotti. Nei primi due giorni di evento si è già registrata la presenza fisica di oltre cento buyer e altrettanti sono stati gli spettatori collegati on-line durante le sessioni di “Meet the Brands”. Questi i benefici del formato phygital, un misto tra presenza fisica e digitale.

“L’idea del ‘phygital’ – commenta Andrea Calistri, vicepresidente di Assopellettieri con delega al distretto toscano – è eccezionale e apre a una modalità completamente nuova di esporre, offrendo anche alle aziende toscane una doppia possibilità: poter inviare il campionario in visione ai potenziali buyer e usare il digitale per le spiegazioni, le conversazioni come se questi fossero davanti a noi. Inoltre, grazie ai finanziamenti messi a disposizione da ICE Agenzia che ha sostenuto l’operazione, la partecipazione a questo evento costa alle aziende relativamente poco e permette di poter moltiplicare gli eventi nel corso dell’anno anche su piazze lontane. La risposta degli operatori coreani è positiva e questo fa sperare bene: credo che questa iniziativa vada implementata e ripetuta in altri mercati interessanti”.

L’evento è stato inaugurato ufficialmente il 20 ottobre con una cerimonia a metà tra il virtuale e il reale. In High Street era presente il direttore di ICE Agenzia Vincenzo Calì che ha fatto gli onori di casa, mentre in collegamento attraverso la piattaforma Zoom sono intervenuti: l’ambasciatore italiano a Seoul Federico Failla, il presidente di Mipel e Assopellettieri Franco Gabbrielli e il direttore di Assopellettieri e Ceo di Mipel Danny D’Alessandro.

Oltre ai momenti di incontro con i brand sono stati organizzati anche seminari, organizzati con la collaborazione dello Studio Mattori e di Lineapelle, dedicati ai buyer e alla stampa coreana con focus sul mondo della pelletteria italiana, sulla sostenibilità come elemento vincente nel settore pelletteria e sull’importanza di realizzare dei prodotti “durevoli”. Di seguito l’elenco dei 21 brand partecipanti: Alma Tonutti, Boldrini Selleria, Bonfanti, Bprime, Christian Villa, Claudia Firenze, Del Conte, Fontanelli, Gilda Tonelli, Gioa, Giorgia Milani, Lanzetti, Loristella, Pienne, Plinio Visoná, Qman, Sapaf Atelier 1954, Stefano Turco, Tonelli Uomo, Valigeria Roncato, Vittoria Firenze.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.