Bonus spesa, 148mila euro dal Governo a San Miniato: la domanda è solo online

Dieci giorni di tempo per creare il borsellino elettronico. Giglioli: “Vogliamo distribuirli il prima possibile per rendere meno pesante il Natale”

Con l’arrivo della seconda rata dei fondi che il Governo ha previsto di anticipare ai comuni per le misure urgenti di solidarietà alimentare per chi è rimasto senza lavoro e senza reddito a causa della seconda ondata di emergenza sanitaria da Coronavirus, il comune di San Miniato, che ha a disposizione anche stavolta 148mila euro, si è attivato per stabilire le modalità di erogazione.

“Anche in questa occasione – spiega il sindaco di San Miniato Simone Giglioli – i buoni sono destinati a beni alimentari e di prima necessità, come ad esempio i medicinali, da spendere nei negozi del territorio che aderiscono all’iniziativa”.

Nei prossimi giorni verrà pubblicato un bando, destinato agli esercenti, al quale aderire per essere inserito nell’elenco che verrà poi pubblicato sul sito del Comune e costantemente aggiornato con le adesioni che arriveranno. I buoni non saranno cartacei come la volta scorsa, ma digitali: il cittadino avrà a disposizione un vero e proprio borsellino elettronico, associato al proprio codice fiscale, contenente il credito riconosciuto. Per utilizzarlo basterà un cellulare, sul quale riceverà dal comune un Sms con l’indicazione dell’importo complessivo e un codice Pin associato da utilizzare negli esercizi commerciali aderenti. Con ogni acquisto verrà scalato l’importo dal credito del borsellino, fino ad esaurimento.

“Si tratta di una procedura sicura – spiega il sindaco -, che ci permette di gestire e monitorare al meglio gli importi erogati e la riscossione da parte degli esercenti. Il borsellino elettronico è collegato direttamente a una persona fisica tramite il suo codice fiscale, e il pin è necessario per l’acquisto e per garantire la sicurezza delle movimentazioni, evitando l’uso improprio dei buoni”.

Per fare richiesta dei buoni digitali destinati all’emergenza alimentare (la cui ha validità è di 60 giorni dalla data di ammissione al beneficio), è necessario compilare il modulo on line sul sito del Comune a partire da oggi (3 dicembre), che resterà attivo per dieci giorni. Coloro che hanno difficoltà nella compilazione possono rivolgersi allo sportello sociale 0571 406800 e bonusalimentare@comune.san-miniato.pi.it (lunedì, martedì, giovedì dalle 9 alle13, sabato dalle 9 alle 12, mentre il pomeriggio di giovedì dalle 15 alle 16).

Per i cittadini stranieri la Società della salute ha attivato uno sportello dedicato di aiuto per la compilazione della domanda con possibilità di traduzione in varie lingue, aperto fino al 10 dicembre (albanese e inglese chiamare al 340 2679128 con orario lunedì, martedì, giovedì e venerdì dalle 9 alle 13, il mercoledì dalle 9 alle 11. Arabo e francese chiamare al 345 6670040 dal lunedì al sabato dalle 11 alle 13. Wolof e francese 349 3612089 dal lunedì al sabato dalle 9 alle 11 e cinese e inglese 349 4782405 il mercoledì dalle 11 alle 13 e il sabato dalle 9 alle 13).

“L’amministrazione comunale e la Protezione Civile – dichiara il sindaco – si sono attivati immediatamente ricevuti i soldi dal Governo, affinché questa misura fosse attuabile sul territorio, per andare a dare un nuovo sostegno alle famiglie in difficoltà a causa di questa emergenza. Vogliamo distribuire i circa 148mila euro il prima possibile, in modo da provare a rendere meno pesante il clima di queste festività natalizie, e consentire a coloro che sono in difficoltà, di poter acquistare quei beni alimentari e di prima necessità, di cui hanno bisogno, attraverso i negozi del territorio comunale che hanno aderito all’iniziativa”.

Per ulteriori informazioni rivolgersi all’Ufficio relazioni con il pubblico 0571 406290 e urp@comune.san-miniato.pi.it.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.