Quantcast

Fucecchio non avrà un piano di sviluppo commerciale integrato

La maggioranza di centrosinistra boccia con voto contrario la proposta di Testai (FI) e Ramello

Il consiglio comunale di Fucecchio boccia senza mezzi termini la mozione dell’opposizione presentata dal capogruppo di Forza Italia Simone Testai e dal consigliere comunale Sabrina Ramello con cui era stato proposti di redigere una un piano di sviluppo commerciale integrato.

Ieri sera (16 aprile) il consiglio comunnale con i voti contrari della maggioranza ha bocciato la mozione dell’opposizione che era stata protocollata 4 mesi fa. “Lo scopo della mozione – spiega Testati citando il documento – era di dare mandato agli uffici competenti, anche alla luce del rinnovo degli strumenti urbanistici, a redigere il piano di sviluppo commerciale integrato come documento strategico del commercio, affinché sia possibile accogliere un processo di sviluppo in corsa con i tempi ed elaborare un documento settoriale di programmazione territoriale che contenga un’analisi dello stato del commercio a cominciare da una quantificazione del fenomeno commerciale, comprendendo gli esercizi di vicinato suddivisi per settore merceologico, nonché l’individuazione delle aree da sottoporre eventualmente a misure di incentivo”.
“La nostra proposta – continua Testai – puntava ad avere uno strumento amministrativo snello in grado di poter fornire risposte certe e chiare alle attività commerciali, andandole a dare indirizzi chiari e al passo con gli strumenti legislativi attuali, frutto anche di una concertazione con le parti sociali interessate ed in grado di sviluppare progettualità di sviluppo commerciale su tutto il territorio comunale”.

La risposta della maggioranza è stato un secco No, dicendo di avere già strumenti normativi e regolamentari che suppliscono al piano del commercio.
“Peccato che la supponenza della maggioranza – spiega Testati – e la loro scarsa dimestichezza con il mondo del lavoro, non li fa accorgere che gli strumenti di cui parlano, non sono coordinati, ci sono parametri differenti a seconda degli strumenti e forniscono solo una progettualità quantitativa per zone e non qualitativa, ignorando una progettazione di sviluppo programmato.
Abbiamo cercato di far capire che appena finirà la pandemia l’amministrazione dovrà essere pronta con regolamenti snelli e facilmente attuabili, a dare risposta alle varie attività, commercio, turismo, e di altra natura per favorire la ripresa, il rilancio e l’apertura delle nuove attività. Il loro no rischia di far trovare l’amministrazione impreparata ad affrontare le nuove sfide per il rilancio ed il sostegno delle attività.
Come gruppo politico Forza Italia continua a presentare proposte concrete nell’interesse de gli operatori del settore, ma PD ed Orgoglio Fucecchiese, continuano a porre barriere ideologiche e non proporre alternative a tutto discapito del tessuto commerciale e produttivo e dei loro operatori”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.