Quantcast

Economia, dalla Camera di commercio 735mila euro alle imprese pisane

Tre bandi per accedere alle risorse a fondo perduto

Altri 735mila euro si aggiungono al plafond messo a disposizione dalla Camera di commercio di Pisa per sostenere le imprese nel 2021. Le nuove e ulteriori risorse sono disponibili su tre diversi bandi. La disponibilità più consistente, 500mila euro, è stata allocata sul bando Ripartenza edizione 2021, 150mila euro sul bando voucher per adottare sistemi di gestione certificati mentre 85mila 500 euro sono stati messi sul bando voucher per i servizi di supporto all’internazionalizzazione.

Per facilitare la comprensione dei bandi, la Camera di commercio di Pisa e la Fondazione ISI organizzano due webinar nel corso dei quali saranno chiariti quali soggetti potranno richiedere i contributi, quali tipologie di spesa sono ammissibili e le modalità e tempistiche per richiedere gli incentivi. Primo appuntamento il 24 maggio 2021 dalle 15,30 per il bando voucher Ripartenza edizione 2021 e il bando Voucher per l’adozione di sistemi di gestione certificati. Il 27 maggio 2021 dalle 15,30 sarà invece la volta del bando Voucher alle imprese per servizi di internazionalizzazione. Le iscrizioni ai due webinar sono gratuite e possono essere effettuate on line sul sito della Camera di commercio di Pisa www.pi.camcom.it.

“Nonostante la difficile congiuntura che sta attraversando il nostro Paese – questo il commento di Valter Tamburini, commissario straordinario della Camera di commercio di Pisa -, e che ha interessato anche il bilancio dell’Ente, la Camera di commercio di Pisa si fruga ancora le tasche e mette a disposizione altri 735mila euro per sostenere lo sforzo del sistema produttivo per uscire dalle secche della crisi. Pur trattandosi di risorse concesse a fondo perduto i fondi messi a disposizione delle aziende pisane non saranno distribuiti a pioggia ma avranno lo scopo di sostenere lo sforzo di quelle realtà che vogliono portare innovazione nella loro attività quotidiana. Per questo i bandi intendono coprire parte delle spese per fruire di servizi di supporto all’internazionalizzazione ma anche adottare sistemi di gestione certificati. Anche il bando Ripartenza 2021, in continuità rispetto a quello dello scorso anno, punta a dare sostegno alle aziende per le spese destinate a adottare le nuove tecnologie digitali, promuovere la sicurezza in campo sanitario soprattutto nel turismo, ma anche per sviluppare le capacità di gestione dei rischi finanziari d’impresa. Siamo consapevoli – conclude Tamburini – che le risorse che abbiamo messo in campo e che proveremo a incrementare nel corso dell’anno non saranno sufficienti per venire incontro alle richieste del mondo imprenditoriale pisano, ma questa azione è per noi un imperativo di carattere morale che dobbiamo portare avanti”.

Bando voucher Ripartenza edizione 2021

Il bando prevede l’erogazione di contributi a fondo perduto per l’acquisto di servizi di consulenza e/o formazione, l’acquisto di beni strumentali, canoni, licenze d’uso o noleggio attrezzature, in quattro ambiti di intervento: innovazione digitale, sviluppo e implementazione di nuovi modelli di business con particolare riferimento alla ristorazione, all’accoglienza, alla fruizione degli attrattori turistici, sviluppo competenze tecniche e digitali, sviluppo competenze finanziarie per la prevenzione della crisi d’impresa. I contributi saranno concessi secondo l’ordine cronologico di arrivo delle domande, e fino ad esaurimento dei fondi, nella misura del 50% delle spese e per un massimo di 5mila e almeno a 2mila euro di investimento. Le richieste di contributo dovranno essere trasmesse in modalità telematica dalle 10 del 22 giugno. E’ già attivo un help desk tecnico della Fondazione ISI per supportare le imprese nella configurazione di Webtelemaco.

Bando Voucher per l’adozione di sistemi di gestione certificati

Si tratta di un contributo a fondo perduto per le imprese della provincia di Pisa che vogliono adottare sistemi di gestione certificati. I contributi sono concessi secondo l’ordine cronologico di arrivo delle domande, fino ad esaurimento fondi, nella misura del 50% delle spese ammissibili con un tetto compreso tra i 2mila 500 ed i 5mila euro a seconda della certificazione per la quale si richiede il voucher. Le richieste devono essere trasmesse in modalità telematica dalle 10 del 1 giugno. E’ già attivo un help desk tecnico della Fondazione ISI per supportare le Imprese nella configurazione di Webtelemaco.

Bando Voucher alle imprese per servizi di internazionalizzazione

Il bando vuole sostenere le imprese che vogliono rafforzare e diversificare la presenza sui mercati internazionali. Si tratta di un sostegno economico del quale le imprese pisane potranno usufruire solo dopo aver effettuato un export check-up o un piano export rilasciato nell’ambito del Progetto “SEI – Sostegno all’Export dell’Italia”. I contributi sono concessi secondo l’ordine cronologico di arrivo delle domande, fino ad esaurimento fondi, nella misura del 50% delle spese ammissibili fino ad un massimo di 10mila euro con investimento minimo di 2mila euro. Le domanda per la concessione del voucher può essere inviata dal 24 maggio, salvo chiusura anticipata per esaurimento delle risorse, alla PEC della Camera di commercio di Pisa.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.