Quantcast

Lineapelle “Ci fa sperare in un ritorno alla normalità” foto

Milano chiude tra "un’attività frenetica e collezioni di altissimo profilo"

“Un’ottima ripartenza”, l’ha definita il presidente Gianni Russo, quella di Lineapelle, conclusa oggi 24 settembre a Fieramilano Rho. I 725 espositori, racconta “hanno dato vita a un’attività frenetica, presentando collezioni di altissimo profilo. Abbiamo avuto un’affluenza che non immaginavamo potesse arrivare a questi livelli. Questo ci fa ben sperare in un ritorno alla normalità”.

L’edizione che ha sancito il ritorno in presenza di Lineapelle, ha messo in mostra una rassicurante energia e positività. Più di 11mila visitatori da oltre 70 Paesi sono andati alla scoperta delle collezioni per l’inverno 2022/2023 presentate da 725 espositori, dimostrando che il mercato ha una concreta volontà di riaccendere i motori.

Molto significativo il panorama delle provenienze dei visitatori, sul quale pesavano le restrizioni internazionali dovute alla gestione della pandemia. Nella top ten primeggiano Germania, Francia, Spagna e Portogallo. Ma compaiono anche Paesi non comunitari (come Svizzera e Turchia) insieme agli Stati Uniti. Non sono mancate rappresentanze dei grandi Paesi manifatturieri (Cina, Brasile e Vietnam) e buyer da mercati strategici come la Federazione Russa, gli Emirati Arabi e il Giappone.

Ha suscitato un interesse intenso e costruttivo, il debutto di A New Point of Materials, dove una ricca e accurata selezione di pelli, materiali, tecnologie di nuova generazione è stata presentata attraverso il racconto del loro intero processo produttivo. Un progetto che “ha soddisfatto – spiegano gli organizzatori – le nostre aspettative di renderlo un punto di riferimento continuativo per la conoscenza e l’approfondimento dell’universo dei materiali responsabilmente innovativi”.

Ottimo feedback anche per Mipel Lab, il salone del sourcing sviluppato da Assopellettieri insieme a Lineapelle. “Non potevamo immaginare un debutto migliore per Mipel Lab – dice il presidente Assopellettieri Franco Gabbrielli -. Il nostro innovativo format fieristico dedicato alle eccellenze produttive italiane ha sorpreso tutti in termini di risultati andando oltre le nostre più rosee aspettative. Le 13 aziende italiane di Mipel Lab rappresentano le vere eccellenze della pelletteria made in Italy: il made in Italy più solido e sano. Basta pensare al fatto che tutte e 13 insieme valgono mezzo miliardo di fatturato, con 4 milioni di pezzi prodotti all’anno e oltre 2.200 dipendenti. Abbiamo riunito il meglio del meglio e continueremo in questo modo. La sinergia di alto profilo messa in atto con Lineapelle si è rivelata vincente, confermandosi di importanza strategica”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.