Quantcast

Santa Croce sull’Arno, il mercato resterà in piazza Romero. Confcommercio: “Una decisione, doppio danno”

L'addio definitivo al centro storico non piace a circa metà degli ambulanti, secondo l'associazione di categoria

“Una vera e propria doccia fredda, perché con una unica decisione si fa un doppio danno”. Commenta così Alessio Giovarruscio, responsabile sindacale di Confcommercio Provincia di Pisa la scelta di stabilizzare definitivamente il mercato di Santa Croce sull’Arno in piazza Romero.

“Convocati dalla sindaco Giulia Deidda in data 14 ottobre, abbiamo appreso la scelta del primo cittadino” annunciano Giovarruscio e Franco Palermo, presidente della Fiva Confcommercio al termine dell’incontro di concertazione. “Purtroppo – spiega il presidente Palermo – era nell’aria da tempo, una decisione al quale abbiamo espresso da sempre un netto rifiuto. Anche perché il rientro in centro storico, nella nostra proposta, prevedeva la possibilità di un rientro di alcuni banchi anche in piazza Matteotti, ripristinando lo storico mercato”.

Doppio danno, per Giovarruscio: “Primo, agli operatori, che denunciano il progressivo declino del mercato settimanale in piazza Romero, in un contesto dove scarseggiamo i servizi e dove una parte significativa degli operatori non lavora. Poi, si danneggia commercialmente anche il commercio in sede fissa che perde un ulteriore volano di attrazione di clientela. Perché noi pensiamo che riportare il mercato in centro è una straordinaria opportunità per Santa Croce, non solo per ridare vigore al mercato settimanale, priorità assoluta di ogni decisione, ma anche per riattivare con un asset fondamentale il centro storico come polo di rinnovata attrazione e interesse comunitario”.

“La cartina elaborata dagli uffici comunali – sottolinea Franco Palermo -, che prevede il rientro dei banchi in piazza Matteotti ha il pregio di ottemperare interessi ed esigenze diverse, di tutte le tipologie merceologiche rappresentate dal mercato, alimentari e non alimentari, consentendo ai primi un adeguato parcheggio in piazza Fratelli Cervi e ai secondi di lavorare in un ritrovato e riqualificato contesto cittadino”.

“Crediamo – incalza Giovarruscio – che prima di prendere una decisione così importante e definitiva, la sindaca Deidda sia disponibile a rivalutare la questione, anche alla luce di un suo personale sondaggio in cui tra favorevoli a restare in piazza Romero e favorevoli al rientro al centro storico, le opinioni erano quasi equamente suddivise, in un frangente in cui nessuno di loro era ancora a conoscenza del fatto che si stava elaborando un piano che prevedeva il rientro in centro storico e la rioccupazione di piazza Matteotti”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.