Mauro Petralli in mostra in sala Nazzi a Montopoli Valdarno

La saletta è stata inserita nel Sistema Museo

Montopoli. Evanescenze e memoria di Mauro Petralli in mostra a Montopoli Valdarno. I quadri saranno ospitati dalla saletta al piano terra del palazzo dell’antica cancelleria, dedicata lo scorso settembre a Marinetta
Nazzi.

“Un appuntamento – spiega il sindaco Giovanni Capecchi – che avevamo programmato per il periodo natalizio e che, tra pochi giorni, sarà realtà. Grazie ai dipinti di Petralli, inaugureremo nuovamente la saletta dedicata a Marinetta Nazzi, inserita da un paio di mesi nel Sistema museale di Montopoli”.

L’artista Mauro Petralli è un pittore nato a Montopoli che, qualche mese fa, ha anche realizzato i drappi per il Palio del Cerro di Cerreto Guidi e per la Disfida con l’arco durante la rievocazione storica “Montopoli Medioevo”, durante la quale le sue opere erano già state esposte all’interno del Museo Civico. “Per l’amministrazione e per tutta la nostra comunità – per Cristina Scali, assessore alla Cultura – è un grande onore ospitare nuovamente le opere del maestro Petralli. Questo è un modo per valorizzare la cultura e l’arte del nostro territorio che Marinetta stessa amava e promuoveva quotidianamente con grande impegno. La mostra si troverà proprio nel cuore del centro storico. Sarà una bella occasione per conoscere dal vivo le opere di un nostro compaesano”.

La collezione personale di Petralli, che inaugura la stagione delle esposizioni temporanee nella saletta
Marinetta Nazzi, si compone di dipinti che raccontano molto della storia personale dell’artista. “Le opere di
Mauro Petralli – spiega Monica Baldassarri, direttrice scientifica del Museo Civico e del Sistema museale di Montopoli – ci invitano a seguirlo nel suo viaggio intimo e personale a Montopoli, giocato tra realtà e memoria, materialità e sogno. L’artista ama giocare sulle tonalità dei colori in maniera evanescente, riuscendo a realizzare opere in cui la luce e la consistenza visiva si perdono intorno all’oggettività dei soggetti rappresentati”.

Dal titolo della mostra, inoltre, s’intuisce che anche la memoria e il ricordo hanno un ruolo fondamentale nell’arte pittorica di Petralli. “Le sue opere molto spesso toccano le corde della memoria che viene trasfigurata nella dimensione onirica”. La mostra, che si aggiunge alle oltre cinquanta che l’artista ha allestito non solo in Italia, sarà inaugurata sabato 14 dicembre in piazza Michele da Montopoli alle 16 e sarà visitabile sino al 5 gennaio 2020 ogni
sabato e domenica la mattina dalle 9,30 alle 12,30, il pomeriggio dalle 16 alle 19,30.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.