Quantcast

Montopoli raccontata dal pievano Mori, il libro

Presentazione sabato 10 gennaio

Il volume raccoglie tutti gli scritti del pievano Mori ed è introdotto da una nota sul personaggio e la sua importanza nel contesto della storia diocesana dell’Ottocento.

Venerdì 10 alle 18,45 nella sala parrocchiale Pio XII della Pieve dei Santi Stefano e Giovanni a Montopoli Valdarno, sarà presentato il secondo volume della Historia Ecclesiae Miniatensis, la collana di storia e archivi che raccoglie alcuni dei più importanti studi di storia diocesana e del territorio. Questo secondo volume è interamente dedicato alla storia di Montopoli e, in particolare, alla vicenda e alle opere del pievano Pietro Mori, personaggio vissuto nel pieno dell’Ottocento e morto nell’anno dell’Unità d’Italia.

Un personaggio di grande spessore, amico di Niccolò Tommaseo e Alessandro Manzoni. Sacerdote, ma anche assessore al comune di Montopoli, uomo di cultura e grande divulgatore del Vangelo.

Un’occasione, quella della presentazione del libro, unica per i cittadini di Montopoli per conoscere le vicende di un pievano che ha segnato la storia di quella parrocchia, un uomo illustre di tutto il paese che Silvio Ficini, per molti anni insegnante a Montopoli, ha descritto faticando non poco nella raccolta e trascrizione di tutte le opere.

Interverrà il vescovo di San Miniato Andrea Migliavacca.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.