Quantcast

Fidapa San Miniato, Cena delle Candele tra impegni e nuove socie foto

Creatività femminile e parità tra gli obiettivi da promuovere

Manola Guazzini e Camilla Giunti sono le nuove socie della sezione Fidapa di San Miniato. Sono state presentate ieri sera sabato 8 febbraio durante la Cerimonia delle Candele. La cerimonia è stata come sempre il momento per rinnovare il senso di appartenenza e i rapporti di solidarietà tra le socie.

Comprese le due nuove che, spiega l’associazione, “per caratteristiche personali, intellettuali e professionali porteranno all’associazione, oltre al loro entusiasmo e con il loro bagaglio esperienziale diverso, idee, competenze e proposte che arricchiranno l’attività della sezione di San Miniato”.

Alla cena ha preso parte anche la presidente del Distretto centro Laura Boldrini la quale nel portare il suo saluto ha ribadito la necessità di un maggiore impegno di ogni singola socia e dell’associazione nel suo insieme per contribuire al raggiungimento degli obiettivi dell’associazione che sembrano aver bisogno ancora di tanto impegno e lavoro nel nostro Paese e nel mondo. Era presente anche l’avvocato Daniela Vallini , presidente dell’associazione per il biennio 2016/2018, membro del distretto centro nella commissione legislativa nazionale e attuale socia della Fidapa di San Miniato e l’avvocato Lucia Alessi, vicepresidente della sezione Fidapa di San Miniato.

La Cerimonia delle Candele segna un’importante tradizione all’interno della Federazione Fidapa, che ha origine nell’inverno del 1942: ogni candela accesa rappresentava una nazione nel mondo, che veniva poi spenta quando questa entrava in guerra. Le rimanenti, accese, rappresentavano la speranza e la Pace in sostegno alle altre nazioni. Oggi, la Cerimonia rappresenta un momento di incontro per tutte le socie , riunite come simbolo di unione, solidarietà e comunanza, i punti cardine che stanno alla base dell’ “essere Fidapa” come socia all’interno dell’Associazione.

“Accendendo quelle candele – ha ricordato la presidente della sezione di San Miniato Vanessa Valiani – noi siamo vicine negli intenti a tutte le donne nel mondo, anche a quelle che ancora oggi non hanno voce”. Sono tanti, però, i punti messi in luce dalla presidente Vanessa Valiani che, con grande orgoglio, ha poi portato un messaggio della presidente nazionale ricordando l’impegno per il prossimo biennio per lavorare al tema nazionale che vede la creatività femminile e la cultura dell’innovazione motori di diverso sviluppo socio economico: empowering women to realize sustainable devolopment goals. “Sarà nostro impegno – ha continuato la presidente – promuovere politiche di sostenibilità e di protezione sociale per favorire una crescita economica inclusiva per l’uguaglianza di genere come appunto richiede il tema nazionale dell’associazione.

Le candele simboleggiano le ambizioni e gli sforzi delle donne impegnate nell’Associazione, in ogni Paese del mondo, per il raggiungimento dei seguenti obiettivi: “lavorare affinché le donne ottengano indipendenza economica, pari opportunità e rappresentatività nella vita economica, civile e politica; incoraggiare e sostenere le donne e le ragazze a sviluppare il proprio potenziale professionale e di leadership, impegnarsi nell’istruzione e nella formazione permanente; usare le proprie capacità per il bene degli altri, a livello locale, nazionale e internazionale; fare advocacy per l’eliminazione delle discriminazioni contro le donne, per i diritti umani e per l’adozione di prospettive di genere; favorire reti di lavoro e cooperazione fra donne d’affari e professioniste, progetti non-profit che aiutino le donne ad ottenere l’indipendenza economica, la presentazione del punto di vista delle donne imprenditrici e professioniste alle Organizzazioni e alle Agenzie internazionali, alle Agenzie di affari, ai Governi e alla società civile”.

Al termine della cena è stata consegnata a tutte le donne presenti una piccola confezione di prodotti realizzata dall’associazione “Ortolani coraggiosi” presente sul nostro territorio che la Fidapa ha voluto con questo gesto simbolicamente sostenere.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.