“Prima scuola e salute”, Fucecchio rinuncia al Palio

"Risalgono i contagi e le misure non si allentano"

L’ipotesi di una corsa a ottobre (qui) è sempre parsa peregrina. Ieri sera 24 agosto, l’assemblea del Palio delle Contrade Città di Fucecchio ha deciso di non correre. Come del resto e ben prima aveva deciso di fare Siena (qui).

La decisione è arrivata basandosi sull’evolversi dell’epidemia da covid 19, sia a livello nazionale che a livello comprensoriale. “Rispetto ai mesi scorsi – spiegano -, la curva dei contagi sta risalendo e le restrizioni anti covid non sono state per niente allentate, anzi, a seguito della chiusura di discoteche e sale da ballo, così come una più attenta e incisiva ripresa delle attività di controllo degli assembramenti, si prevede un prossimo futuro con molte incertezze.

Per questo, tenendo conto che le priorità nazionali e locali sono la riapertura in sicurezza delle scuole e l’avvio post ferie delle attività lavorative, l’Assemblea del Palio ha concordato la necessità di evitare assembramenti con grandi numeri di persone decidendo dunque di annullare gli eventi programmati”: la seconda sessione delle corse d’estate, che si sarebbe dovuta correre domenica 6 settembre e successivamente la corsa del Palio di Fucecchio, in programma domenica 4 ottobre.

“Una decisione doverosa – per il sindaco Alessio Spinelli – poiché oggi, vista l’attuale situazione, per noi come per tutta Italia, la priorità deve restare quella di riaprire le scuole in sicurezza, di tutelare la ripartenza delle aziende e più in generale la salute pubblica. Fin dall’inizio, l’Associazione Palio aveva deciso che se ci fossero stati protocolli troppo ferrei da seguire, avrebbe annullato gli eventi, in particolar modo il Palio. E adesso ci troviamo in una situazione in cui, con le vacanze, gli spostamenti e i rientri dall’estero, i contagi stanno risalendo, pertanto non possiamo rischiare di creare nuovi focolai.

Continuare gli eventi legati al Palio, pur seguendo scrupolosamente tutte le norme di sicurezza come già abbiamo fatto con successo in occasione delle corse del 25 luglio, significa creare rischi che in questo momento dobbiamo assolutamente evitare. Il CdA e i presidenti delle Contrade hanno capito e concordato su questa decisione che, per quanto difficile e sofferta, è assolutamente necessaria. Adesso dobbiamo pensare alle scuole e alla salute dei nostri cittadini, pertanto, a malincuore è doveroso annullare le corse, pur consapevoli di aver fatto tutto il possibile per provare anche a correre il nostro Palio. Ringrazio tutte le Contrade per il costante impegno profuso anche e soprattutto in questi mesi di difficoltà nonché per aver condiviso scelte e decisioni difficili e dolorose, invitandole e proseguire con passione le proprie attività nel rispetto delle normative di sicurezza e dei protocolli anti covid”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.