Una piazza per Soldani, domenica a Casteldelbosco

Una sala di lettura e la locale sezione Anpi portano già il suo nome

Una sala di lettura e la locale sezione Anpi portano già il suo nome. Ma da domenica 11 ottobre, Serafino Soldani darà il nome anche a una piazza. L’intitolazione all’ex amministratore di Montopoli Valdarno sarà a Casteldelbosco, a partire dalle 17.

Soldani, per la storia locale di Montopoli, rappresenta uno dei personaggi più importanti e più noti, avendo lasciato una ricca eredità artistica e letteraria, grazie ai racconti e agli scritti in gran parte dedicati alla sua esperienza come partigiano e come prigioniero internato nei lager della Germania nazista. Alla sua attività culturale, come detto, Soldani ha anche unito un costante impegno politico all’interno del Partito Comunista e dei sindacati.

“Serafino Soldani – spiega il sindaco Giovanni Capecchi –  è stato un amministratore innamorato di Montopoli ma non  solo: dopo tre legislature come assessore, vicesindaco e sindaco, Soldani si è dedicato alla promozione della cultura del nostro territorio e alla scrittura, grazie alla quale ha potuto raccontare la sua vita di partigiano, di sindacalista impegnato nelle lotte per la dignità e la giustizia sociale e di prigioniero dei nazisti”.

Alla inaugurazione prenderà parte anche l’associazione culturale Il Bruscello, della quale Soldani fu a lungo presidente.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.