Il Palio dei barchini è verdearancio, esulta il popolo di San Martino. Non festeggia San Bartolomeo fotogallery

E' verdearancio anche minipalio. Palio rosa a San Pietro

San Martino torna a vincere il Palio dei Barchini dopo quattro anni, rovinando la festa a San Bartolomeo che già pregustava la conquista del suo secondo cencio, e balzando in testa all’albo d’oro della manifestazione con 11 trionfi dall’87 a oggi. È un Palio praticamente perfetto per il quartiere verdearancio di Catiana, che porta in contrada anche il trofeo del minipalio, mentre in Palio Rosa conferma ancora una volta lo strapotere di San Pietro a Vigesimo.

palio dei barchini 2022 castelfranco di sotto

In un insolito Palio a tre, con la quarta corsia rimasta vuota per l’assenza di San Michele, i rematori di San Martino Samuele Campinotti e Daniele Quarta arrivano alla curva Duranti appaiati ai campioni in carica di San Bartolomeo Stefano Veltri ed Elia Ciaraolo. La vittoria nel minipalio si rivela però provvidenziale per i verdearancio, che potendo partire dalla prima corsia, quella più interna, riescono a girare per primi alla curva che spesso decide le sorti del Palio.

San Bartolomeo finisce lungo e va addosso alle presse, facendosi superare dai ragazzi di San Pietro a Vigesimo, Leonardo Musta e Antonio Maiorella, che da questo momento in poi ingaggiano una lotta senza esclusioni per difendere a tutti i costi la seconda posizione, stringendo più volte i rossoblù e chiudendo ogni possibilità di sorpasso fino alla penultima curva del terzo giro, quando i biancocelesti finiscono contro le presse finendo in terza posizione. A quel punto però San Martino ha già preso mezzo giro di vantaggio sui rivali, potendo chiudere la corsa in assoluta tranquillità.

Incontenibile la gioia del quartiere meridionale di Castelfranco, che ottiene così la sua 11esima vittoria nell’albo dopo e mettendo a segno il secondo dei tre sigilli necessari (a pari con San Bartolomeo) per aggiudicarsi il cencio dell’artista Samanta Casagli. Per la coppia Samuele Campinotti e Daniele Quarta è la seconda vittoria in carriera dopo quella del 2018 e tante edizioni piene di rimpianti.

Palio rosa

Le ‘ragazze terribili’ di San Pietro non tradiscono le attese nel Palio Rosa: Diletta Macchi e Francesca Marcori ottengono la loro quarta vittoria consecutiva, al termine di una corsa però più combattuta del solito. Partendo come di consueto dalla quarta corsia, quella più esterna, Macchi e Marcori si confermano le più veloci in partenza, riuscendo ad arrivare con un buon vantaggio alla curva Duranti, seguite da San Bartolomeo con Sidny Velardi e Federica Savoia e da San Martino in terza posizione con Benedetta Cavallini e Emma Papa.

Le ragazze di San Pietro gestiscono la corsa con esperienza, anche se le ragazze rossoblù restano a breve distanza tentando fino alla fine di riprenderle, seguite a breve distanza dalla coppia di San Martino che alla seconda curva del secondo giro finisce contro il marciapiede nel tentativo di infilare San Bartolomeo. Alla fine San Pietro chiude in testa seguita di pochi metri da San Bartolomeo e da San Martino in terza posizione.

Il minipalio

Il minipalio si apre nel segno di San Martino, con Massimiliano Lorenzetti e Francesco Nannei che trionfano in una gara combattutissima fino agli ultimi centimetri dall’arrivo, vinta dai verdearancio praticamente al fotofinish insieme a San Bartolomeo. In partenza la coppia verdearancio parte praticamente accoppiata a quella rossoblù, con Luca Spagli e Samuele Bartoli, che riescono a girare in testa alla fatidica curva Duranti seguiti da San Martino e da San Pietro con Alessandro Mariotti e Iglen Hysaj.

Sul secondo rettilineo dell’oratorio l’episodio decisivo della corsa: San Martino ‘infila’ San Bartolomeo da sinistra e lo supera balzando in testa alla seconda curva, con i rossoblù che si lanciano all’inseguimento restando praticamente sempre attaccati ai verdearancio e cercando ad ogni curva di tamponarli e spingerli contro le presse. Lorenzetti e Nannei gestiscono bene fino al rettilineo d’arrivo, dove Spagli e Bartoli mettono il turbo riuscendo quasi a superare i rivali a un palmo dalla linea del traguardo.

Alla fine, tutto si decide in pochi centimetri: tra San Martino e San Bartolomeo c’è una differenza di 19 centesimo di secondo. In terza posizione i biancocelesti di Vigesimo, riusciti per tutta la corsa a restare vicinissimi alle altre due contrade, pronti ad approfittare di eventuali errori delle altre due contrade.

Le qualifiche

Le qualifiche che aprono il pomeriggio del Palio dei barchini di Castelfranco di Sotto consegnano il primato a San Bartolomeo per gli uomini e a San Pietro per le donne.

La sfida a cronometro su un giro secco di piazza Garibaldi premia i rossoblù con la coppia del palio Stefano Veltri ed Elia Ciaraolo, più veloci di tutti con il tempo di 1 07′ 62”, seguiti di un soffio da San Martino con Massimiliano Lorenzetti e Francesco Nannei (1 08′ 01”) e in terza posizione da San Pietro con Leonardo Musta e Antonio Maiorella (1 14′ 93”).

Tra gli equipaggi femminili, invece, le ragazze di Vigesimo si confermano le più veloci con il tempo di 1 22′ 76”, seguite dalla rossoblù di San Bartolomeo Sidny Velardi e Federica Savoia (1 23′ 61”) e dalla verdearancio di San Martino Benedetta Cavallini e Emma Papa (1 26′ 29”).

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.