Quantcast

PizzaIn, il proprietario: “Gestore era inadempiente”

Riceviamo e pubblichiamo la richiesta di rettifica pervenuta, in nome e per conto del signor Mirco Ianniciello, dall’avvocato Tommaso Stianti, all’articolo dal titolo Angelo punta su San Romano e apre un nuovo locale.

“L’articolo – si legge nella richiesta – nel riportare la notizia della recente apertura del locale Civico 45 da parte del signor Angelo Kazimi (vero nome Emrah Kjazimi), ha riferito notizie non vere riguardanti i rapporti con i proprietari del locale precedentemente gestito di fatto dallo stesso Kjazimi, anche se formalmente intestato alla moglie Selvija Kjazimi. Infatti è destituito di ogni fondamento il seguente passaggio del citato brano giornalistico: “…Tuttavia, verso il mese di settembre di quest’anno ha deciso di cedere l’attività ai vecchi proprietari, ma senza la presenza di Angelo la pizzeria non era più la stessa”. Non risponde infatti al vero quanto testé affermato, atteso che il signor Kjazimi (rectius, la di lui moglie, Selvija Kjazimi), che, attraverso contratto di cessione di ramo d’azienda del 26 settembre 2016 aveva acquistato il locale denominato PizzaIndal signor Mirco Ianniciello, si era reso gravemente inadempiente delle proprie obbligazioni contrattualmente assunte; di talché, con ordinanza del 31 agosto 2017, il tribunale di Pisa, dando atto dell’intervenuta risoluzione per inadempimento, ordinava la restituzione dell’azienda che avveniva in data 25 settembre 2017″.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.