La Patrie è d’oro: prima conceria di pelli pregiate certificata Leather Working Group

Non è l'unico riconoscimento della giovane azienda di Ponte a Egola

“È stata una bella soddisfazione. Abbiamo ottenuto un punteggio molto alto”. Così Leonardo Traversi, uno dei soci fondatori insieme ad Arlen Benedict Cenac Jr, Giuseppe Garone, Adriano Paoli e Luca Doni, racconta come La Patrie di Ponte a Egola di San Miniato è diventata la prima conceria di pelli pregiate al mondo a conquistare la medaglia d’oro Leather Working Group.

La certificazione alla società specializzata nella lavorazione di pelli pregiate metal free “conferma gli alti standard qualitativi di un progetto molto giovane, che ha preso vita tra la fine del 2014 e gli inizi del 2015, ma che già vanta altre importanti certificazioni, quali l’Iso 9001 e l’Iso 14001”.

Lwg raccoglie alcuni dei maggiori stakeholders della filiera moda pelle internazionale, promuovendo le buone pratiche e valutando le performance ambientali dei propri membri. “Le garanzie di tracciabilità – continua Traversi – adottate dalla nostra azienda, la definizione di protocolli di qualità e monitoraggio, la realizzazione di un laboratorio di ricerca e sviluppo interno, hanno giocato un ruolo determinante, segno dell’efficacia della strategia adottata. Ad esempio abbiamo implementato una procedura per la ‘lettura’ dei colori attraverso uno strumento (spettrofotometro), che consente di verificare la rispondenza fra il colore del master cliente e la produzione realizzata, la saturazione dello stesso e la sua luminosità, mettendoci in condizione di certificarne la tonalità dei nostri prodotti in base a un sistema di parametrazione oggettivo”. Questo ha indotto un’importante maison francese, cliente dell’azienda, a proporre il modello La Patrie a tutti i propri fornitori.

L’azienda è anche la prima al mondo ad aver realizzato un sistema produttivo che ha consentito, spiegano, “l’industrializzazione del processo di conciatura metal free su pellame esotico, con un conseguente ‘basso impatto ambientale’, dovuto all’assenza di metalli, un ridotto impiego di agenti chimici e un consistente risparmio energetico. Sostenibilità e responsabilità sociale d’impresa occupano un ruolo primario nella filosofia aziendale, come testimoniano il giardino e il laghetto di pesci interamente bio, con acque trattate dalle piante, senza agenti chimici.

Un fascino fresco e creativo, del tutto coerente con la giovanissima età di tanti dei suoi dipendenti. L’azienda ha già saputo trasformarsi in pochi anni, estendendo la propria proposta anche al mondo della pelletteria e del fashion. E come in tutti i progetti giovani non mancano le grandi ambizioni, a partire dallo sviluppo della ricerca, favorita in particolare dall’attività del laboratorio, a cui l’azienda deve gran parte dei risultati raggiunti nell’ambito delle certificazioni”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.