Unione dei Comuni Empolese Valdelsa, ordinanza ribadisce chiusura negozi di fiori

La decisione ribadisce quanto già contenuto nel decreto dell'11 marzo

Anche i negozi che vendono fiori e piante devono restare chiusi nell’ambito delle  misure per il contenimento per limitare al massimo occasioni di contatto e possibile contagio da Covid19.

Lo ricordano tutti i sindaci dell’Unione dei Comuni Empolese Valdelsa che hanno predisposto ieri (4 aprile), un’ordinanza nei propri territori comunali.

In pratica il documento specifica che già nell’allegato 1 del decreto dell’11 marzo 2020, ovvero il documento che conteneva le attività che possono restare aperte, erano state escluse le attività commerciali con codice Ateco 47.76.10 (commercio al dettaglio di fiori, piante). In sostanza già da quel decreto i negozi con quel codice Ateco dovevano restare chiusi.

I sindaci dell’Unione dunque hanno deciso di evidenziare che fino alla data in cui il governo terrà in vigore le misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da Covid-19, quindi, i negozi di fiori e piante devono restare chiusi come dallo scorso 11 marzo.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.